Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Lunedì 26 Settembre 2016, ore 09.15
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Lo scandalo della cassa integrazione in deroga

Per la CID lo Stato paga una somma pari più o meno al gettito dell'IMU.

Fabio Michettoni
Fabio Michettoni
Direttore Responsabile dell'Agenzia Teleborsa
Tecnicamente si chiama "sussidio a piè di lista". La documentazione viene presentata in sede regionale e l’esborso vero e proprio avviene a Roma. Stiamo parlando della cassa integrazione in deroga, che riguarda oltre 500.000 lavoratori. Molti di questi non lavorano più e le aziende alle quali facevano riferimento, o fanno ancora riferimento, non esistono nemmeno più. Lo Stato però continua lo stesso a pagare per questo una somma più o meno pari al gettito dell'IMU cioè tra i 3,5 e i 4 miliardi di euro all'anno.

La cassa integrazione in deroga non serve a nulla e a nessuno. Non serve ai lavoratori che ne beneficiano, perché rinunciano a riqualificarsi e a collocarsi di nuovo sul mercato del lavoro. Non serve ai giovani alla quale non sono ammessi, perché fuori dalla tutela dei sindacati e non serve nemmeno alle imprese, perché non si riqualificano più. Serve però a garantire le rendite di posizione conquistate negli anni e mal gestite in seno alle istituzioni da funzionari e politicanti di secondo profilo.

Il Dipartimento del Tesoro ha chiesto lumi dopo che la Commissione Parlamentare, che si è occupata della faccenda, ha rilevato che un sussidio ogni quattro percepiti è fasullo, cioè indebitamente percepito. Il Tesoro ha poi invitato il dicastero del Welfare a circostanziare il fenomeno, ma l'unica risposta è stata che la distribuzione dei sussidi è attualmente ferma.

Si spera quindi che altri soldi pubblici non vengano dispersi in questa scandalosa voragine e si avvii un'incisiva riforma di quegli ammortizzatori sociali, più volte dichiarata ma mai attuata. Riforma che negli altri paesi è stata portata a termine, incentivando il lavoro, la produttività e garantendo un sano rilancio economico. Insomma, in un'Italia in cui dovrebbe cambiare tutto, non cambia mai nulla.
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.