Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 11 Dicembre 2016, ore 11.05
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Basta con le corride elettorali!

Torniamo al proporzionale. Il maggioritario "a tutti i costi" rende l’Italia ingovernabile ed allontana i cittadini dalla politica.

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 »
Torniamo al proporzionale. Il maggioritario "a tutti i costi" rende l’Italia ingovernabile ed allontana i cittadini dalla politica.
Un sistema elettorale su base proporzionale consente tendenzialmente a tutti i cittadini di poter essere rappresentati in Parlamento. Un sistema maggioritario serve solo a decidere chi governa: ma gli altri non ci stanno, ed il sistema diventa ingestibile.


Inutile continuare a mentire: la presenza in Italia di un forte partito comunista, con un consenso mai elettoralmente maggioritario, è sempre stato un handicap per la democrazia dell'alternanza. E, difatti, il nostro sistema elettorale era di tipo proporzionale, garantendo a tutte le espressioni politiche di essere presenti in Parlamento e di partecipare all'attività legislativa. Le leggi erano approvate a larga maggioranza, se non all'unanimità: era una democrazia coinvolgente, anche troppo secondo alcuni, in cui non si distingueva nettamente la maggioranza dall'opposizione se non per via della partecipazione al Governo. Ma era in grado di assorbire le tensioni, anche quelle più forti.

Fu così anche per la solidarietà nazionale, dal 1976 al 1978: il PCI era nella maggioranza ma non aveva Ministri. Il socialismo di Craxi ruppe gli schemi e seppe imporsi nella staffetta alla DC, ma non riuscì mai a ribaltare i rapporti di forza a sinistra.

La Seconda Repubblica, con un sistema elettorale tendenzialmente maggioritario, ambiva a ricomporre gli schieramenti politici, spaccando in due la DC: quello era il presupposto di partenza. Una parte infatti confluì a sinistra, con formazioni più o meno ampie, come la Margherita e l'Udeur, alleandosi a quello che divenne prima PDS, poi DS ed infine PD. L'altra parte rimase nell'ambito del centrodestra, con il CCD-UDC. L'Ulivo e l'Unione nel centro sinistra, così come la Casa della Libertà nel centrodestra, hanno rappresentato i contenitori elettorali volti a forzare un bipolarismo instabile.
1 2 »
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.