Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 25 Settembre 2016, ore 17.56
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Wilma, dammi la carta!

L'e-government dell'età della pietra.

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 »
Le novità tanto sbandierate, dal modulo unificato per la Scia alla dichiarazione dei redditi precompilata, sono scelte da preistoria informatica

Siamo in bilico, sospesi nel vuoto, tra burocratese e innovazione digitale. Sarà che è vacante il posto di Direttore dell'Agenzia per l'Italia digitale, e sarà soprattutto che nell'Avviso pubblico per la sua selezione, il Ministro Madia ha concesso appena nove giorni di tempo per presentare le candidature, prescrivendo che le istanze "dovranno riportare una sintetica descrizione delle linee programmatiche sull'espletamento dell'incarico per il quale si manifesta interesse". Il futuro non aspetta.

Chissà quali saranno le linee programmatiche del nuovo Direttore. La cosa più sensata sarebbe stata una pagina con un solo verbo, ripetuto: "copiare, copiare, copiare..." Già, quello che in inglese si chiama "monkey do business", imitare gli altri che sono più avanti di noi. Ad esempio, Francia e Gran Bretagna.

Non bisogna essere smanettoni, né tantomeno dei fanatici del web per accedere su internet ai siti della amministrazione francese (http://www.service-public.fr/formulaires/) e di quella inglese (https://www.gov.uk/) che rendono disponibili a chiunque informazioni e servizi on line ai cittadini.

Sono anni che l'amministrazione fiscale francese invoglia i cittadini a compilare la loro dichiarazione dei redditi direttamente con qualsiasi pc: e non servono pin, visto che basta inserire due codici che compaiono sull'avviso di accertamento tramesso dall'amministrazione stessa e l'importo che risulta da pagare. Anche per la tax fonciere e la tax d'habitation, tutto è automatizzato: si indica il conto corrente bancario sul quale si effettua il prelievo alla data stabilita o, se si preferisce, c'è la possibilità di pagamenti frazionati mensilmente. Inutile dire che anche il cambiamento di residenza si fa on-line, con una serie di servizi aggiuntivi: ci si collega direttamente a tutti i siti delle principali aziende o uffici pubblici cui è necessario far conoscere il cambio d'indirizzo, oppure dell'e-mail o del telefono fisso e cellulare.
1 2 »
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.