Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 24 Agosto 2017, ore 08.44
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Come controllare la solidità della tua banca

Finanza · 20 giugno 2017 - 11.28

Il 2016 è stato decisamente un annus horribilis per le banche italiane che si sono guadagnate, non certo per merito, le prime pagine dei maggiori quotidiani nazionali alle prese con cambiamenti e trasformazioni ancora in atto.

E ancora oggi sono proprio le banche che continuano a turbare il sonno di molti italiani: dalle nefaste vicende dei quattro istituti bancari (Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti) che hanno mandato in fumo i risparmi di migliaia di correntisti, al salvataggio del Monte dei Paschi di Siena e a quello delle banche venete, al bail-in entrato in vigore il 1° gennaio 2016 che obbliga azionisti, obbligazionisti e correntisti a farsi carico delle perdite di una banca in crisi al posto dello Stato.
Una volta venute a galla le crepe di questo sistema bancario siamo sempre più in difficoltà ad affidare i nostri risparmi ad un istituto di credito. Di quale dobbiamo fidarci? I nostri soldi sono al sicuro? Qual è la banca più solida?

Nonostante esistano le autorità di vigilanza, infatti, ci chiediamo sempre più spesso che fine potrebbero fare i nostri soldi se la banca fallisce e cerchiamo in prima persona di valutare preventivamente lo stato di salute di un istituto bancario.


Come possiamo capire se una banca è solida?

In un interessante articolo sull'argomento l'ADUC, che da sempre si occupa dei diritti degli utenti e dei consumatori, spiega prima di tutto perché una banca può andare in difficoltà economiche individuando tre ragioni fondamentali:

  1. eccesso di sofferenze bancarie: si tratta degli ormai famosi NPL Non Performing Loans, ovvero i crediti deteriorati, quella parte del portafoglio crediti che le banche vantano verso i propri debitori ma che non sono più incassabili (in tutto o in parte) o non lo sono in condizioni economicamente accettabili;
  2. perdite su operazioni finanziarie proprie: operazioni poco ortodosse, frutto non solo di incompetenza ma a volte portate avanti per interessi personali;
  3. corsa agli sportelli: ricordiamo quella verificatasi a Cipro dopo l'annuncio del prelievo sui conti bancari dei cittadini in seguito all'accordo sugli aiuti concessi dall'Eurozona. Nessuna banca potrebbe restituire tutti i soldi dei correntisti se venissero chiesti tutti insieme.

MPS e Pinocchio

Gli indicatori: CET1 e Total Capital

Da queste situazioni che possono portare un istituto bancario al default è bene tenersi alla larga, ma esistono anche parametri messi a disposizione dagli organi di vigilanza, come la BCE, che permettono a investitori e risparmiatori di valutare la solidità di una banca in modo semplice. Parliamo di due indicatori, chiamati ratio, che possiamo trovare nel bilancio e nelle relazioni periodiche della banca:

  • CET1 ratio, acronimo di Common Tier Equity 1: è il maggiore indice di solidità di una banca, misura il rapporto fra i mezzi propri della banca e le attività ponderate per il rischio. Più è alto il valore più la banca è solida.
  • Total Capital ratio, dato dall'insieme del patrimonio e il valore delle attività ponderate per il rischio.

IMPORTANTE
Questi indicatori variano di frequente e bisogna cercarli nei bilanci dove spesso vengono citati in modo disomogeneo.

Il CET1 ci indica i rischi derivanti dalle sofferenze (NPL) e con quali risorse la banca riesce a garantire i prestiti concessi ai clienti. La BCE ha stabilito che questa percentuale non deve essere inferiore all'8%, ma viene alzata fissando l'obiettivo banca per banca; in ogni caso è preferibile che sia superiore al 10%.
Il Total Capital, invece, in base ai principi di Basilea 3 deve essere almeno pari al 10,5%.


Che cos'altro ci aiuta a capire se una banca è affidabile?

Senza dubbio gli indicatori sopra citati, CET1 e Total Capital, sono parametri importanti, ma non sono gli unici da tenere in considerazione e soprattutto non sono sufficienti a definire precisamente lo stato di salute di una banca.
Ad esempio quando i crediti in sofferenza hanno un valore più alto del capitale della banca stessa, spiega l'ADUC, questo è un segnale chiaro che la banca non se la sta passando bene, e questo a prescindere dal CET1.

Ci sono altri elementi da valutare per capire se una banca è affidabile, infatti gli istituti di credito seppur uguali all'apparenza spesso sono molto diversi:

  • tenete d'occhio l'entità dei crediti deteriorati facendo attenzione, nel bilancio e nelle relazioni trimestrali, che non siano superiori al 16%. Valutate anche il rapporto delle sofferenze con il totale dei prestiti per capire la qualità del credito della banca
  • osservate gli accantonamenti: più sono alti, rispetto agli NPL, più l'istituto è sicuro. Le coperture delle sofferenze in bilancio indicano un atteggiamento prudente della banca e questo la espone a meno rischi
  • la banca deve essere adeguatamente patrimonializzata: in questo modo con un capitale alto riesce a coprire senza problemi i rischi connessi all'esercizio delle sue attività
  • fate attenzione all'andamento del titolo (se la banca è quotata in Borsa): la quotazione è un elemento in più in presenza di indicatori poco realistici
  • va premiata la trasparenza: le banche che non si limitano all'obbligo della pubblicazione annuale, ma che rendono disponibili i dati più volte durante l'anno con relazioni trimestrali e semestrali, sono più virtuose
  • privilegiate le banche online rispetto a quelle fisiche, hanno un CET1 più alto, un elemento di sicurezza in più


Precauzioni per l'uso

Tenendo presente quanto sopra esposto, e a fronte di ulteriori dubbi, c'è qualche suggerimento che possiamo facilmente mettere in pratica e che può evitarci preventivamente situazioni a rischio:
  • se possibile non tenere più di 100.000 euro liquidi sul conto corrente;
  • non acquistare obbligazioni bancarie o altri strumenti finanziari che non si sappiano valutare;
  • non firmare mai un documento senza averne compreso appieno il contenuto o se si ha il dubbio di non aver capito;
  • cercare di diversificare aprendo più conti correnti in diverse banche;
  • approfondire la propria cultura finanziaria, colmando lacune e mancanze in modo da non farsi trovare impreparati nel momento della sottoscrizione di un investimento.
Le altre guide
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.