Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 24 Agosto 2016, ore 03.28
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

L'immobiliare USA rallenta sull'effetto tassi. Giù vendite e prezzi delle case

Economia ·
(Teleborsa) - Rallenta il passo la crescita delle vendite di case negli Stati Uniti a gennaio, dopo l'exploit del mese di dicembre, motivato forse dall'esigenza di accaparrarsi un mutuo a tassi ancora contenuti, dopo il primo aumento operato dalla Fed.

Il dato, comunicato dall'Associazione Nazionale degli Agenti Immobiliari (NAR) USA, ha mostrato un modesto incremento dello 0,4% a 5,47 milioni di unità rispetto ai 5,45 milioni di dicembre, che risulta superiore ai 5,32 milioni attesi dagli analisti. La crescita modesta di gennaio si confronta con un +12,1% rivisto a dicembre (+14,7% il preliminare) e con un -2,9% del consensus.

Parallelamente, i prezzi delle case hanno registrato una frenata.

Secondo quanto rilevato dalla Standard & Poor's, l'indice S&P Case Shiller, che misura l'andamento dei prezzi nelle principali venti aree metropolitane degli Stati Uniti, non ha mostrato a dicembre variazioni significative rispetto al mese precedente, dopo il +0,1% registrato nei due mesi precedenti. Il dato risulta al di sotto delle stime degli analisti che erano per un +0,1%.

Su anno è salito del 5,7%, come il dato rivisto di ottobre (il preliminare era +5,8%) e si confronta con il +5,8% stimato dagli analisti.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.