Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 1 Settembre 2016, ore 07.33
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Borse UE in rialzo, poco mossa Piazza Affari

Finanza ·
(Teleborsa) - Si chiude al rialzo la settimana finanziaria delle principali borse europee in una giornata caratterizzata dalle scadenze tecniche. A trainare il corso rialzista dei listini europei è stato il rimbalzo dei titoli bancari, ma anche la risalita dei prezzi del petrolio, a ridosso dei 42 dollari al barile, in attesa del vertice allargato dei produttori di greggio, in calendario a metà aprile.

Sessione debole per sull'Euro / Dollaro USA, che scambia con un calo dello 0,38%. Lieve calo dell'oro, che scende a 1.252,3 dollari l'oncia. Prevale la cautela sul mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che continua la seduta con un leggero calo dello 0,27%.

In salita lo spread, che arriva a quota 106 punti base, con un incremento di 3 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari all'1,27%.

Tra i listini europei, guadagno moderato per Francoforte, che avanza dello 0,59%; andamento cauto per Londra, che mostra una performance pari a -0,19%. Piccoli passi in avanti per Parigi, che segna un incremento marginale dello 0,44%. A Milano, il FTSE MIB è sostanzialmente stabile, chiudendo la giornata su 18.611 punti.

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 3,64 miliardi di euro, in rialzo rispetto agli 3,43 miliardi della vigilia, mentre i volumi si sono attestati a 1,74 miliardi di azioni, rispetto ai 1,48 miliardi precedenti.

Tra i 222 titoli scambiati sul listino milanese, 125 azioni hanno chiuso la seduta odierna in rialzo, mentre 84 hanno portato a casa una flessione. Poco variate le restanti 13 azioni.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Servizi per la finanza (+2,01%), Automotive (+1,21%) e Media (+1,07%). Tra i più negativi della lista di Piazza Affari, troviamo i comparti Materie prime (-1,80%), Assicurativi (-1,02%) e Banche (-0,59%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, in primo piano Banca Mps, che mostra un forte aumento del 3,93%. Nel risparmio festito, decolla Anima Holding, con un importante progresso del 3,65%. Svetta anche Azimut che segna un importante progresso del 3,15%.

In evidenza Finmeccanica, che mostra un fortissimo incremento del 3,62% che ieri ha annunciato una vera e propria rivoluzione, concretizzata anche dal cambio del nome in Leonardo.

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Tenaris, che ha terminato le contrattazioni a -1,83%. Per contro sale l'ENI +0,88% che ha alzato il velo sul piano strategico al 2019.

Nel lusso, preda dei venditori Tod's, con un decremento dell'1,71%.

Tra gli assicurativi, si concentrano le vendite su Generali Assicurazioni, (-1,66%), dopo i conti 2015.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Fincantieri (+6,01%), Brunello Cucinelli (+5,04%), CIR (+4,80%) e Credem (+4,29%). I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Gruppo Edit l'Espresso, che ha archiviato la seduta a -4,03%.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.