Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 23 Giugno 2017, ore 19.13
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Martin Schulz eletto con il 100% di voti Sdp sfiderà la Merkel per la Cancelleria

Percentuale bulgara al Congresso straordinario per l'ex Presidente del Parlamento europeo e socialdemocratici con +10% dopo candidatura alla Cancelleria

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Una percentuale di voti che definire "maggioranza bulgara" potrebbe apparire addirittura limitativa ha letteralmente lanciato ufficialmente in orbita Martin Schulz per la corsa a Capo della Cancelleria tedesca nelle file socialdemocratiche per le elezioni di settembre sfidando Angela Merkel. L’ex Presidente del Parlamento europeo candidato appunto per i socialdemocratici, scandendo il motto "La Germania e l'Europa sono inseparabili", è stato indicato all'umanità dal Congresso straordinario della Sdp, festeggiato poi da cinque interminabili minuti di scroscianti applausi".

Schulz ha anche promesso di rendere la Germania più equa: "Se non lo faremo noi, non lo farà nessuno". E con l'aiuto dei sindacati, si è impegnato a chiudere quella che ha definito l'insopportabile differenza tra gli stipendi delle donne e degli uomini e pure quella ancora in atto tra le retribuzioni della zona già comunista dell’Est diverse da quelle dell’Ovest, nonostante l'unificazione dello Stato. Martin Schulz, renderà noto comunque a il suo programma elettorale.

I sondaggi più recenti indicano in un 10 per cento in più per il suo partito Sdp da quando è stata lanciata la sua candidatura alla cancelleria. Il già Presidente del Parlamento europeo ha pure ingaggiato una dura lotta con i populisti di destra dell’Ad, ribadendo ancora una volta contro di loro lo slogan "non sono l’Alternativa per la Germania ma una vergogna per la repubblica". E ha attaccato anche le riduzioni fiscali annunciate dalla Cdu della Merkel.

Per quanto riguarda le vicine elezioni presidenziali in Francia, cruciali per il destino dell’Europa, Schulz ha accusato sia l’Afd sia il Front national di Marine Le Pen di "utilizzare una retorica da anni Venti del secolo scorso". Retorica pericolosa che alimentò soprattutto in Germania e in Italia, ma anche in altri Paesi europei, la nascita e l'affermarsi del nazismo e del fascismo.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.