Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Lunedì 24 Aprile 2017, ore 01.45
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Andrea Gemma Consigliere ENI: il business sostenibile valorizza i giovani

Economia, Finanza ·
(Teleborsa) - Cosa vuol dire gestire in modo sostenibile una grande realtà come ENI? Andrea Gemma - Professore di diritto privato e componente del CdA del principale gruppo energetico italiano - ha discusso di corporate governance, competenze, risorse umane e strategie di crescita in contesti complessi e in uno scenario di crisi economica e geopolitica, nello "Spazio Espositivo Tritone" della Fondazione Sorgente Group. L’occasione era l'incontro-dibattito organizzato periodicamente dalla Consulta giovani imprenditori e professionisti del Lazio.

"Ogni impresa è fatta delle persone che vi lavorano; è dunque fondamentale governare la successione generazionale ed assicurare la trasmissione delle competenze e la crescita professionale delle risorse umane in un ambiente di lavoro sicuro" – ha dichiarato Gemma, che ha sottolineato l'importanza del patto tra generazioni, avversando le rendite di posizione e la staticità del capitalismo italiano. Il Consigliere di ENI ha poi ricordato che l'immobilismo limita l'innovazione ed esclude i talenti ed i giovani dai percorsi di crescita e generazione di valore.

Per garantire che un CdA assuma decisioni responsabili è fondamentale comprendere che il ruolo di board member è un "mestiere" che richiede dedizione, tempo, acquisizione di competenze e comprensione delle dinamiche di business. Occorre, secondo Gemma, coinvolgere i giovani con immediatezza dando l'opportunità perché si cimentino con i problemi gestionali: "la costruzione della futura classe dirigente del Paese deve poggiare su forti competenze e capacità di elaborare visioni a tutto tondo, non solo specialistiche, in un ecosistema imprenditoriale ed istituzionale improntato a principi di lealtà, che riconosce il merito come metodo e promuove l’evoluzione dei saperi e la loro trasmissione a vantaggio delle successive generazioni".

Tra i presenti Elisabetta Maggini, consigliere di amministrazione di ACEA e di Sorgente Group, nonché coordinatrice della Consulta Giovani Imprenditori e Professionisti di Roma e del Lazio, che ha promosso l'incontro.














Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.