Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 28 Giugno 2017, ore 07.37
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Gentiloni oggi in Canada. A Trump rinnova alleanza politica e economica

Molto disteso l'incontor con il Presidente USA Donald Trump alla casa Bianca. Gentiloni dsi impegna a portare al 2% investimenti in difesa. Rinnovate relazioni amichevoli economiche e politiche

Politica ·
(Teleborsa) - Dopo Washington il Premier Paolo Gentiloni è volato a Ottawa, in Canada, dove incontrerà oggi il Primo Ministro Justin Trudeau, per discutere, fra le altre cose, del prossimo vertice del G7 e di tematiche di carattere economico.

E durato poco meno di un'ora ieri l'incontro alla Casa Bianca fra il Presidente americano Donald Trump ed il Premier Gentiloni, spaziando su tutti gli argomenti: dalle questioni strettamente economiche a quelle legate alla sicurezza, proprio mentre arrivava la notizia del nuovo attentato dell'Isis a Parigi a tre giorni dalle elezioni francesi.

Come andranno le elezioni in Francia? E' questa una delle domande che Trump, politico improvvisato, ha voluto porre a Paolo Gentiloni, che prima di fare il Premier è stato ministro degli esteri ed è un politico di lungo corso. Una curiosità, più che un argomento cruciale per Trump, che della politica europea si occupa distrattamente.

Uno degli argomenti più caldi è stata la Libia, di cui i due leader hanno parlato lungamente, anche se il Presidente USA ha detto che esclude un intervento militare. Trump ha ricordato il contributo militare dell'Italia in Iraq ed Afghanistan e gli sforzi per stabilizzare la Libia e "negare all’Isis di penetrare nel Mediterraneo".

Il Premier italiano, dal canto suo, ha affermato che l'Italia condivide l'intervento degli USA in Siria, dopo l'uso delle armi chimiche contro i civili, ma ha aggiunto che non vede un ruolo militare dell'Italia nel Paese, ma piuttosto punta sulla diplomazia e su una "soluzione politica senza Assad".

Nel riaffermare l'impegno ed il ruolo chiave dell'Italia in Medioriente, Gentiloni si è impegnato a portare gli investimenti nella difesa al 2% del PIL.

In merito ai rapporti commerciali fra Italia e Stati Uniti, l'ex tycoon della finanza ha elogiato il nostro Paese, dichiarando "siete uno dei principali partner commerciali dell’America, ma un partner equo, con scambi che beneficiano entrambi i Paesi". Un grande riconoscimento da Trump, dopo l'affondo di qualche tempo fa su Germania ed Euro.

Prima di incontrare Trump a Washington, Gentiloni aveva affermato "I nostri rapporti con gli Stati Uniti sono storici: ci teniamo molto, sono sempre stati il pilastro della nostra politica estera. E' interesse dell'Italia coltivare questa relazione perché è fondamentale per gestire le crisi del Mediterraneo a partire dalla Libia". Intervenendo al Center for Strategic and International Studies (CSIS) a Washington, il Premier italiano aveva aggiunto che "la partnership Italia-USA non solo è un'opportunità ma un dovere".


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.