Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 17 Agosto 2017, ore 08.03
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Petrolio, Riyad verso un altro taglio

I prezzi tornano a salire dopo che l'Arabia Saudita si è detta pronta a nuove riduzioni

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - L'Arabia Saudita potrebbe tagliare di almeno 520 mila barili al giorno la sua produzione di petrolio. Notizia che sta galvanizzando i prezzi del petrolio, tornati a salire dopo la breve pausa.

Il Brent di Londra si porta a quota 52,32 dollari al barile con un aumento dello 0,25%, mentre il WTI americano scambia a 49,29 dollari (+0,24%).

Al momento si tratta di indiscrezioni circolate nel giorno in cui si chiude il vertice OPEC e non OPEC, ad Abu Dhabi, volto a discutere le modalità di rafforzamento dell'accordo raggiunto tra i produttori petroliferi, per ridurre l'output di 1,8 milioni di barili al giorno, fino alla fine di marzo 2018.





Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.