Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 22 Agosto 2017, ore 15.02
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Imprese: AAA cercasi dipendenti: posti vacanti a top dal 2010

Lo rivela l'Istat che nel secondo trimestre vede un tasso di posti vacanti pari allo 0,9% sui valori del 2010

Economia ·
(Teleborsa) - Buone notizie per il mercato del lavoro italiano dove le imprese tornano a cercare nuovi dipendenti.

Nel secondo trimestre 2017, il tasso di posti vacanti destagionalizzato nel complesso delle attività economiche è pari allo 0,9%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Lo rivela l'Istat nelle stime preliminari del report "Posti vacanti nelle imprese dell'industria e dei servizi". Il dato tocca il top da quando è iniziata la serie, ovvero dal 2010.
L'indicatore cresce di 0,1 punti percentuali nei servizi, raggiungendo l'1%, mentre rimane stabile allo 0,7% nell'industria.

La platea di riferimento comprende i settori dell'industria e dei servizi con almeno dieci dipendenti.

Se le imprese sono interessate a nuovo personale significa che l'economia sta facendo progressi anche se in alcuni casi, un valore alto può indicare che domanda e offerta non sono in equilibrio. Le imprese cercano personale che non trovano sul mercato del lavoro.

Però, in linea di massima, quando il tasso dei posti vacanti si alza vuol dire che la ripresa è in atto.

"I posti vacanti misurano le ricerche di personale che alla data di riferimento (l'ultimo giorno del trimestre) sono già iniziate e non ancora concluse", precisa l Istat. "Sono, infatti, quei posti di lavoro retribuiti che siano nuovi o già esistenti, purché liberi o in procinto di diventarlo, per i quali il datore di lavoro - sottolinea l'istituto di statistica - cerchi attivamente un candidato adatto al di fuori dell'impresa interessata e sia disposto a fare sforzi supplementari per trovarlo.

L'Istat spiega che "il tasso di posti vacanti può fornire, usato assieme ad altri indicatori, informazioni utili ad interpretare la congiuntura. I posti vacanti, infatti, possono dare segnali anticipatori sull'andamento del numero di posizioni lavorative occupate nel prossimo futuro". I dati definitivi sul secondo trimestre saranno pubblicati il 12 settembre.





Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.