Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 20 Settembre 2017, ore 20.23
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Allerta meteo, il 2017 è il secondo anno più caldo di sempre

Oltre 2 miliardi di danni all'agricoltura con siccità, incendi e improvvisi alluvioni

Clima, Economia ·
(Teleborsa) - Il 2017 è stato fino ad ora il secondo anno più caldo di sempre, con la temperatura sulla superficie della Terra e degli Oceani, addirittura superiore di 0,90 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo.

E' quanto emerge dalle elaborazioni Coldiretti sui dati relativi ai primi sette mesi della banca dati NOAA, il National Climatic Data Centre, che registra le temperature mondiali dal 1880.

"Un risultato determinato dal fatto che dall'inizio dell’anno ogni mese si è classificato sul podio del più caldo da 138 anni", - sottolinea l'associazione rappresentativa degli agricoltori italiani, ricordando che il 2017 si è aperto infatti con il mese di gennaio che si è classificato a livello globale come il terzo più caldo dall'inizio delle rilevazioni con febbraio, marzo, aprile, maggio e luglio che si sono invece classificati tutti al secondo posto mentre giugno è al terzo posto.

Le anomalie sono evidenti anche in Italia dove la temperatura nel mese di luglio 2017 è stata superiore di ben 1,2 gradi la media di riferimento che lo colloca nella top ten dei più caldi mai registrati in Italia dal 1800 in cui sono anche cadute il 42% di precipitazioni in meno. E il mese di giugno è stato il secondo più caldo dal 1800 con ben il 53% di pioggia in meno secondo una analisi della Coldiretti sulla base delle rilevazioni Isac Cnr dai quali emerge anche che il 2015 è stato l’anno più bollente della storia da 217 anni.

Ciò ha provocato nelle campagne italiane circa 2 miliardi di perdite alle coltivazioni e agli allevamenti, tra siccità, incendi e violenti temporali che si sono abbattuti a macchia di leopardo lungo la Penisola
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.