Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 22 Settembre 2017, ore 06.35
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Nuovo balzo della produzione a luglio. Crescita PIL confermata in accelerazione

Economisti confermano stime positive dopo dati Istat su produzione

Economia ·
(Teleborsa) - La produzione industriale italiana ha fatto un nuovo balzo in avanti a luglio, evidenziando un tasso di crescita tendenziale del 4,4%, mentre il dato mensile (+0,1%) viene frenato dall'energia.

E' l'industria a trainare la crescita, in particolare la produzione di macchinari e l'auto: beni consumo durevole (+6,2%), beni strumentali (+5,9%), fabbricazione di macchine e atrezzature (+8%).

Bene anche la produzione alimentare (+6,9%). "Ancora una volta l'industria alimentare italiana si conferma la punta di diamante dell'intero comparto industriale del nostro Paese", commenta Luigi Scordamaglia, presidente di Federalimentare, che mette in evidenza un altro dato rilevante, "l'alimentare ha finalmente colmato il gap di produzione sul 2007 e viaggia su livelli pre-crisi confermandosi settore trainante".

I dati sulla produzione sono stati commentati con un certo ottimismo dal ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, il quale parla di "un nuovo segnale positivo della ripresa del sistema manifatturiero italiano", mettendo l'accento sul successo del Piano Nazionale Industria 4.0 e sulla "scelta di eliminare gli incentivi inefficaci introducendo delle agevolazioni fiscali automatiche e non collegate ad una specifica dimensione o settore industriale".
"Bisogna ora continuare a lavorare sulle politiche dell'offerta concentrando risorse a beneficio delle imprese che producono e creano lavoro", ha concluso il ministro.

Frattanto, i dati pubblicati stamattina dall'Istat vendono interpretati molto favorevolmente dagli economisti, i quali prospettano una crescita del PIL dello 0,3% nei prossimi due trimestri, compatibile con una crescita annua dell'1,4%. E' quanto confermano gli specialisti di Intesa Sanpaolo ed Unicredit.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.