Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 23 Settembre 2017, ore 05.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Calenda plaude a regole investimenti extra UE

Economia ·
(Teleborsa) - "La proposta di Regolamento sul monitoraggio degli investimenti extra UE annunciata dal Presidente della Commissione UE, Juncker è un passo importante nella giusta direzione ma è solo un elemento di un quadro normativo più completo per il quale l'Italia continuerà a battersi".

Così il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda ha commentato i negoziati in corso a Bruxelles sul Regolamento riguardante la nuova metodologia Anti Dumping UE.

"L'obiettivo - ha aggiunto - è quello di creare un insieme di regole condivise e fare in modo che l'UE abbia gli strumenti per reagire, anche con forza, quando queste regole vengono infrante. Questo vale tanto per le acquisizioni e gli investimenti industriali quanto per il commercio. Per l'Italia è dunque essenziale che tali principi di apertura agli scambi e di difesa intransigente da comportamenti scorretti vengano applicati anche con riferimento ai dossier più importanti di politica commerciale, primo fra tutti il progetto di regolamento sulla nuova metodologia Anti Dumping e la connessa questione dello status non di economia di mercato della Cina.

Ci attendiamo - ha concluso - che le discussioni attualmente in corso a Bruxelles tra Parlamento Consiglio e Commissione portino ad un netto miglioramento del testo sul cosiddetto 'MES Cina'. Il nostro Paese, conducendo una battaglia spesso di avanguardia, ha contribuito a migliorare, rispetto ad una iniziale proposta inadeguata, la bozza di Regolamento adottata dal Consiglio che tuttavia ancora non risponde pienamente alle esigenze dell'industria e dei lavoratori europei. In questo contesto la posizione espressa dal Parlamento Europeo con il suo voto appare certamente la più equilibrata e può' contare sul pieno sostegno dell'Italia".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.