Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 21 Settembre 2017, ore 05.35
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Tassi fermi nel Regno Unito, la Bank of England spinge in avanti la sterlina

"Il ritiro di parte degli stimoli monetari nei prossimi mesi sarà probabilmente appropriato”

Economia ·
(Teleborsa) - La Bank of England (BOE), come ampiamente atteso, ha lasciato invariati i tassi di interesse e il piano di acquisto di asset (Quantitative Easing).

L'ultimo taglio dei tassi risale ad agosto 2016, quando la banca centrale ha ridotto il costo del denaro sul nuovo minimo storico dello 0,25%, in seguito alla Brexit.

Il Monetary Policy Committee (MPC) ha inoltre deciso di confermare il piano QE da 435 miliardi di sterline e gli acquisti di bond societari per 10 miliardi.

La decisione è stata annunciata oggi dalla banca centrale britannica, al termine della riunione di politica monetaria, che ha preso la decisione con 7 voti a favore per i tassi invariati (2 contrari) e all'unanimità sul Quantitative Easing.

La novità riguarda proprio il Quantitative Easing. L’istituto guidato da Mark Carney ha segnalato che "il ritiro di parte degli stimoli monetari nei prossimi mesi sarà probabilmente appropriato". Tanto è bastato da far balzare in avanti la sterlina nei confronti delle principali valute, euro (0,892) e dollaro (1,3315).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.