Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 21 Settembre 2017, ore 05.33
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Al via l'Ecofin con grandi temi sul tavolo: Ministro Finanze europeo e Web Tax

Economia ·
(Teleborsa) - Prende il via oggi a Tallinn la due giorni dell'Eurogruppo (capi di stato e governo) e dell'Ecofin (ministri delle finanze europei) con grandi tematiche su cui discutere: ci si attende in particolare un dibattito sulla Web Tax e sulla creazione di un Ministro delle Finanze europeo.

LA WEB TAX

Il primo tema è stato molto dibattuto ed è tornato in aure in questi ultimi giorni, anche a causa di un rapporto stilato da un europarlamentare promotore della tassazione del grandi colossi del Web.

Lo studio in questione infatti quantifica i danni creati dalle grandi Corporate all'UE in termini di mancate imposte pagate: solo Google e Facebook sarebbero a debito di 5,4 miliardi di euro con l'UE considerando una tassazione "normale" degli incassi sul giro d'affari generato in Europa e non le aliquote minimali praticate dai paradisi fiscali limitrofi, come quello irlandese.

La proposta avanzata dai quattro paesi promotori - Francia, Italia, Germania e Spagna - prevede una tassazione calcolata sui ricavi realizzati con il traffico digitale e solo oltre un tetto determinato (5 milioni) o, come emerso nelle ultime ore, una imposta calcolata sul numero di clienti.

MINISTRO FINANZE EUROPEO

Questo è un tema di cui si parla da molto tempo, ma i tempi sembrerebbero ormai maturi per discuterne con più attenzione, dopo l'uscita di Juncker sulla necessità di rafforzare le istituzioni europee, in occasione e del discorso sullo stato dell'Unione, e dopo le dichiarazioni di Angela Merkel e Emmanuel Macron al vertice di fine agosto, quando si sono detti favorevoli all'ipotesi di una maggiore unificazione europea e di creazione di un unico Ministro delle Finanze.

PADOAN A TALLINN

Il Ministro italiano Pier Carlo Padoan è già arrivato presso la capitale estone dove si terrà il vertice. Ascoltato sui due temi caldi, il titolare dell'Economia si è detto favorevole ad entrambe le proposte.

A proposito del Ministro delle Finanze europeo e della sollecitazione di Juncker, Padoan ha detto che l'Italia sostiene la proposta, che mira ad una unione delle funzioni del Tesoro e costituirebbe una "semplificazione" importante.
Poi, ha aggiunto che e vede di buon occhio "l'accelerazione più efficace" di molte altre idee e che "è il momento giusto in Europa per pensare al rafforzamento dell'architettura istituzionale". A questo proposito Padoan ha anche sollecitato l'Europa a "non fermarsi ed insistere con le riforme".

Sulla questione della Web Tax, Padoan ha ribadito che "era necessario dare un'accelerazione" ed ha ricordato che l'Italia è fra i 4 paesi promotori, aggiungendo a proposito del vertice odierno: "speriamo di fare progressi".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.