Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Lunedì 26 Settembre 2016, ore 21.17
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Trasparenza e controlli fondamenti del buon governo

I controlli nella PA restano sempre i fondamenti del buon governo.

Mario Sarcinelli
Mario Sarcinelli
Presidente Dexia Crediop
1 2 3 »
La preoccupazione di tutti in questo momento è la sopravvivenza dell'euro e del sogno ad esso sotteso di un'Europa finalmente pacificata con se stessa, aliena da conflitti fratricidi.

Per l'Europa periferica, la crisi dell'euro è una crisi dei debiti pubblici: in alcuni casi, come l'Irlanda e la Spagna, per lo scoppio della bolla immobiliare, che ha travolto le banche salvate dalle pubbliche tesorerie, a prezzo della trasformazione di debito privato in debito pubblico; nel caso della Grecia, aiutata nell'opera di mascheramento anche da una grande banca d'affari americana, per la consapevole falsificazione dei conti pubblici; in altri, come l'Italia e il Portogallo, per la scarsa crescita dell'economia a causa della perdita di competitività, della difficoltà nel restringere il pubblico disavanzo, dell'aumento del costo del debito e del conseguente innalzamento del rapporto debito/Pil.

In Italia, l'andamento della produttività del lavoro - che riflette in larga misura quello della produttività totale dei fattori - è da oltre un decennio insoddisfacente. Dopo essere cresciuto dal 1992 al 2000 più che negli altri principali paesi europei (1,7 per cento in media d'anno, contro 1,3 della Germania e 1,1 della Francia), il valore aggiunto per occupato in termini reali, nell'intera economia, ha bruscamente frenato nel decennio successivo; tra il 2001 e il 2007 ha ristagnato, a fronte di incrementi medi annui dell'1,5 per cento in Germania e dell'1,1 in Francia.

L'incapacità del sistema produttivo di espandere la propria efficienza a ritmi comparabili a quelli dei concorrenti europei ha riguardato tutti i principali settori di attività economica e le differenti fasi cicliche, anche se è stata più accentuata nell'industria.
1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.