Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 1 Ottobre 2016, ore 10.56
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

La “soluzione Svizzera”

Francesco Caruso
Francesco Caruso
Master in Financial Technical Analysis, vincitore di SIAT Award 2011
1 2 3 4 »
Premessa
Ci sono due peccati per un gestore che è chiamato a confrontarsi col benchmark: uno veniale, che è essere “a benchmark” in una fase di ribasso; uno mortale, che è essere sottopesato in una fase di rialzo. Il peccato veniale è scusato come eccesso di ottimismo, quindi giustificato. Quello mortale è bollato come incapacità di adattarsi all’ambiente e di sfruttare le occasioni, quindi imperdonabile. Il gestore che è sovrappesato in fase di rialzo è un guru, un novello semidio, mentre il gestore che è sottopesato in fase di ribasso (e che quindi ha in fondo ragione come il semidio, ma nell’altro senso) è accettato come “giustamente prudente”, ma in realtà è guardato con estremo sospetto.

L’acida ma concreta morale è che essere “ottimisti”, benché sui mercati non significhi di fatto niente e non abbia alcun senso (si pensi alle valute, una il reciproco dell’altra; ma soprattutto all’unico metro di valutazione di un gestore, che è il risultato), a livello di immagine soprattutto nelle istituzioni paga sempre, anche quando si sbaglia. Essere “pessimisti”, anche quando si ha ragione, non migliora le cose. Questa premessa, apparentemente dissociata, tornerà utile alla fine.

1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.