Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 25 Settembre 2016, ore 07.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Sfumature di rosso, nero e blu

I mercati nelle mani della politica, non il contrario.

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »

I mercati nelle mani della politica, non il contrario.

ELEZIONI. L’attenzione per il voto americano è concentrata su Obama e Romney. Si trascura troppo il fatto che le leggi le scrive il Congresso. Il presidente ha diritto di veto e può applicare le leggi con una discrezionalità molto ampia, ma decide da solo soprattutto in politica estera. Il fiscal cliff, l’ingorgo di leggi fiscali in scadenza a fine anno, dovrà essere sbrogliato dal legislativo (nell'immagine il Campidoglio, sede del Congresso degli Stati Uniti, visto dalla Corte Suprema).

I sondaggi più autorevoli confermano, per la prossima legislatura, un Senato democratico e la Camera dei Rappresentanti ai repubblicani. Le rispettive maggioranze saranno più esigue, ma i rapporti di forza complessivi, salvo sorprese, non dovrebbero cambiare molto.

FISCAL CLIFF. Nell’ultimo periodo si è diffuso nel mercato un atteggiamento di relativa indifferenza sulla questione. In parte è la noia, effetto di un anno di discussioni su quello che succederà senza che nel frattempo sia successo niente. In parte è l’idea che si troverà un accordo in fretta e che, alla peggio, si deciderà di congelare tutto per qualche mese.

All’accordo rapido si può assegnare un terzo delle probabilità, lo stesso al rinvio. L’ultimo terzo va a un conflitto duro che potrebbe iniziare subito e scavalcare la fine dell’anno, salvo rimediare in gennaio con sanatorie e provvedimenti retroattivi.

Nel caso di conflitto, il nervosismo degli investitori domestici crescerà con l’avvicinarsi della fine dell’anno. Chi ha plusvalenze ampie sarà portato a vendere. In questo caso il tradizionale rialzo di fine anno potrà mancare. Le imprese, per contro, saranno meno influenzate di quanto non si pensi dal fiscal cliff, almeno nel breve termine.

1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.