Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 1 Ottobre 2016, ore 10.54
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

L'arrocco del potere: perché, dappertutto, sempre le stesse facce

La gerontocrazia italiana è il frutto di un sistema di potere bloccato da una guerra di trincea che dura da 20 anni.

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 »

Dobbiamo a noi stessi una spiegazione: chiarirci perché anche alle prossime elezioni l'Italia si presenterà ancora una volta identica a sé stessa, invecchiata di venti anni. Come rimasti in frigorifero, non cambiano le facce, né i ruoli.

Il fatto è che il ricambio generazionale non manca solo in politica: tutto l'establishment italiano è vecchio. Da quello bancario a quello delle industriale, le facce che c'erano vent'anni fa sono le stesse che vediamo oggi, ed i pochi che si mettono di traverso vengono osteggiati. La sfida è sempre la stessa: se siete capaci, il potere ve lo dovete conquistare. Vale per tutti: da Renzi alla Meloni in politica, fino a Della Valle. Sole le famiglie imprenditoriali solide si possono permettere un passaggio di mano generazionale, naturalmente interno: vale per i De Benedetti, i Berlusconi, e naturalmente gli Agnelli.

Il tanto di nuovo e di vitale che è stato costruito in questi venti anni, la piccola e media impresa, non ha la visibilità mediatica né il potere contrattuale che corrisponde alla sua dimensione effettiva: è sottorappresentato. Invece, il vecchio modello produttivo fatto da poche grandi imprese pubbliche e private ha mantenuto il monopolio delle relazioni politiche, istituzionali e finanziarie.

La seconda Repubblica è stata una estenuante guerra di posizione, ventennale, per la conquista del potere: la maggioranza politica e parlamentare necessaria per governare e soprattutto per cambiare, per fare le riforme. Le riforme le fa chi governa, a suo uso e consumo: e, difatti, abbiamo avuto la modifica del Titolo V della Costituzione approvata con un solo voto di maggioranza sul finire del 2001, così come un federalismo fiscale che ha portato al raddoppio della tassazione e dei poteri amministrativi, anziché allo slittamento dell'imposizione dal centro alla periferia e la riduzione della dimensione statuale a vantaggio di quella locale. Si va avanti di pochi metri, poi si ripiega, come in una guerra di trincea.

1 2 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.