Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Lunedì 26 Settembre 2016, ore 00.47
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Un'Italia debole: poche grandi imprese ma senza alternative

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 »

Tutto è questione di numeri, di dimensioni e di proporzioni: quando in uno Stato, come accade in Italia, c'è un solo grande gestore ferroviario, una sola compagnia aerea di bandiera che non opera nel segmento low-cost, ancora un oggettivo monopolista delle rete fissa di telecomunicazioni, un solo gruppo industriale impegnato in campo automobilistico, un unico gruppo integrato nel settore petrolifero, per non parlare delle poste, appena due gruppi bancari di livello europeo e forse poco più che altrettanti nel settore assicurativo, per non parlare dei media dove la concentrazione nella carta stampata e nella televisione supera di poco il duopolio, il problema principale non è rappresentato solo dal modello di concorrenza insufficiente e dalla scarsa motovazione allì'innovazione, ma dalla impossibilità oggettiva di assorbire i danni derivanti da errori strategici del management ed ancor più da eventi penalmente rilevanti che colpiscano i vertici aziendali.

In Italia manca il back-up, il solvente, la capacità del sistema economico e sociale di assorbire correttamente lo schock determinato dall'errore di pochi soggetti. Manca la possibilità di un ricambio, perché non ci sono alternative: quando una grande impresa è in grave difficoltà non abbiamo la prospettiva di una distruzione creatrice, di un dissolvimento capace di rimettere in moto l'attività di altri progetti imprenditoriali che subentrano a chi sbaglia occupando lo spazio economico lasciato vuoto, ma unicamente della implosione. Quando invece c'è una ampia pluralità di operatori dimensionalmente rilevanti ed omogenei, non sempre c'è collusione: non tutti scelgono una strategia conservativa. C'è chi pretende di essere il first mover, chi magari si attarda, mantre qualcun altro ancora sceglie una soluzione diversa. E' una pluralità di situazioni in cui gli errori dell'uno sono compensati dagli altri.

1 2 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.