Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 7 Dicembre 2016, ore 21.20
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

L’Hindenburg Omen e il Thermic Cycle

Teniamo d'occhio l'Hindenburg Omen.

Francesco Caruso
Francesco Caruso
Master in Financial Technical Analysis, vincitore di SIAT Award 2011
1 2 3 »
Da oltre un anno tengo fissi sulla home page di questo blog due grafici: ML BIOTECH e APPLE, come simboli di FORZA- OPPORTUNITÀ e VULNERABILITÀ-CRISI del mercato. Mai, tuttavia, avrei pensato che la loro divergenza arrivasse a tanto. La Biotech si è impennata ed adesso (vedi grafico) è in fortissimo ipercomperato, come tutto il settore healthcare e quello alimentare, mentre la Apple è ormai vicina al dimezzamento dai massimi storici nonostante Wall Street sia a nuovi record. In questo strano contesto ricompare dopo anni sul mercato USA un segnale tecnico (meglio sarebbe dire: statistico) di un certo interesse, il cosiddetto “Hindenburg Omen”.

Cos’è un Hindenburg Omen? E’ l’allineamento di diversi fattori tecnici che misurano la condizione di base del mercato azionario americano – in particolare il NYSE; questo allineamento – secondo l’inventore del segnale – indica che la probabilità di un crollo del mercato azionario è superiore al normale e la probabilità di un declino importante è abbastanza elevata.grafico Biotech Questo Omen è apparso davanti a tutti i crash del mercato azionario, o fasi di panico, negli ultimi 25 anni. Tutti. Nessun panic sell-off (superiore al 15 per cento) si è verificato negli ultimi 25 anni senza essere stato preceduto da un Hindenburg Omen.

Tutti i criteri sono stati soddisfatti il 15 Aprile, giorno di osservazione che ha visto sia i NYSE New Highs che i NYSE New Lows, secondo il Wall Street Journal, superiori alla soglia di 2,2% sul totale dei titoli trattati – condizione necessaria per una osservazione Hindenburg Omen. I New Highs non erano più di due volte i New Lows, l’oscillatore McClellan era negativo e la Media mobile a 10 settimane era in crescita. Come si vede dal grafico Bloomberg, questo è il primo Hindenburg Omen da molto tempo. La logica alla base dell’indicatore è che, in condizioni normali, un numero consistente di titoli può far registrare nuovi massimi o nuovi minimi annuali – ma non entrambi. Quando entrambi – nuovi massimi e nuovi minimi – sono numerosi, questo indica che il mercato sta attraversando un periodo di divergenza estrema. Tale divergenza non è di solito favorevole per il futuro aumento dei prezzi. Un mercato sano richiede una qualche parvenza di omogeneità interna, non importa in quale direzione.
1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.