Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 4 Dicembre 2016, ore 15.12
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

L'OMT è un'arma "fine di mondo", il grimaldello che farà saltare la gabbia dell'euro

Nessuna gabbia monetaria può resistere a tensioni così diffuse e profonde.

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 »
E' un errore immaginare che la Bce sia paragonabile ad una qualsiasi banca centrale nazionale che paga il suo debito pubblico con moneta svalutata, che poi bisogna comunque cambiare in perdita per poterla utilizzare fuori del Paese in default. Se dovesse attivare il programma OMT (*), più la Bce comprerà titoli, più se ne metterebbero in vendita, scatenando un vortice incontrollabile.

Dobbiamo farcene una ragione: la architettura dell'euro, quella della Bce e soprattutto il Sistema delle Banche Centrali Nazionali, è inadeguata. Guardare in faccia alla realtà è un esercizio doveroso: non ci sono meccanismi automatici di correzione, in un contesto in cui a tutti gli Stati viene chiesto di avere un assetto equilibrato dal punto di vista monetario e finanziario nei rapporti internazionali, anche all'interno dell'eurozona.

La crisi americana del 2008 riguardava un assetto economico e finanziario complessivamente squilibratosi negli anni per via della desertificazione manufatturiera che risale ai primi anni ottanta, per via della competizione internazionale basata sui bassi costi del lavoro già innescata nel precedente decennio dal Giappone, e che la transizione alla new economy non aveva affatto sanato. La competizione cinese era stata affrontata con una bolla del credito interno, cartolarizzato e rivenduto all'estero finchè le famiglie debitrici di mutui immobiliari sub-prime non hanno dichiarato default.

---
(*) Il Programma OMT (Outright Monetary Transactions) è stato deciso dalla Bce il 6 settembre scorso al fine di garantire la corretta trasmissione delle decisioni di politica monetaria nell'intera eurozona: serve ad evitare che la speculazione, forzando la mano sui titoli pubblici degli Stati con elevato indebitamento, determini un premio al rischio talmente alto da far divaricare eccessivamente la forbice tra i tassi pagati nei diversi Paesi (spread). Il programma OMT consiste nell'acquisto, teoricamente senza limiti, da parte della Bce dei titoli di Stato con durata compresa tra 1 e 3 anni, che vengono offerti sul mercato secondario, corrispondendo un prezzo più elevato rispetto a quello che altrimenti si determinerebbe spontaneamente, e correlativamente riducendone il saggio di interesse. Il Programma OMT viene attivato, a dicrezione della BCE, solo nel caso in cui il Paese in questione abbia preventivamente ottenuto gli aiuti previsti dal Meccanismo europeo di stabilizzazione (ESM), accettando di essere sottoposto ad uno stretto regime di sorveglianza e di condizionalità.
1 2 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.