Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 11 Dicembre 2016, ore 15.02
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Noi e l'Africa

Quando i nigeriani saranno più dei cinesi.

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »
Quando i nigeriani saranno più dei cinesi.

Geologicamente parlando, l’Africa, nella sua avanzata verso nord, farà letteralmente a pezzi la penisola italiana e la sbriciolerà a colpi di terremoto prima di schiacciarla contro le Alpi e travolgerla. Questo succederà in un tempo, 200 milioni di anni, equivalente a quello che ci separa dall’inizio del Giurassico e dai primi dinosauri.

Demograficamente le cose saranno molto più veloci e i nati di oggi faranno in tempo a vederle. Gli italiani etnici, quell’impasto di Dna greco, etrusco e celtico di cui siamo fatti noi nativi, saranno nel 2100 non più di 8 milioni. Questa è la stima di Peter McDonald, professore di demografia a Canberra. Ci sono stime più alte, naturalmente, ma anche più basse.

Nel 1950, quando Karen Blixen aveva lasciato da poco la sua fattoria vicino a Nairobi e se ne era ritornata in Danimarca, in tutto il Kenya c’erano 6 milioni di persone, tra cui qualche migliaio di inglesi che si erano evitati i razionamenti appena finiti in Inghilterra e vivevano dolcemente. Oggi di keniani ce ne sono 44 milioni. Nel 2100 saranno dai 160 ai 239 milioni.

Nella vicina Uganda, la verdeggiante e lussureggiante perla dell’Impero, c’erano 5 milioni di abitanti nel 1950, ce ne sono 43 oggi e ce ne saranno da 205 a 291 milioni nel 2100. L’Uganda è piccola, se si toglie il Lago Vittoria è meno di due terzi dell’Italia.

(Nella foto: I had a farm in Africa. Karen Blixen (1882-1962).)
1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.