Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 6 Dicembre 2016, ore 06.52
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ognun per sé: al G20 di San Pietroburgo, i Brics annunciano un Fondo Monetario autonomo

Mentre l'euro va su e giù rispetto al dollaro, i Paesi Brics non ci stanno a continuare a ballare al ritmo della politica della Fed.

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 3 »
Al G20 di San Pietroburgo non è stata solo la questione della Siria a determinare un clima di freddezza nei confronti degli Usa. La insoddisfazione per la sua politica monetaria è stata ancora più palese: prima gli allentamenti quantitativi della Fed, ora le conseguenze del solo annuncio della conclusione del Qe3, creano parecchie difficoltà. Così, l'unico vero scoop l'hanno fatto loro, i Paesi Brics: non ci stanno a fare ancora gli agnelli sacrificali sull'altare del dio-dollaro ed hanno annunciato la costituzione di una sorta di Fondo monetario autonomo, dotato di un capitale iniziale di 100 miliardi di dollari. Al "Contingent Reserve Arrangement" (CRA), questo è il nome ufficiale del Fondo, contribuiranno la Cina che si è impegnata per 41 miliardi, la Russia, l'India ed il Brasile che verseranno 18 miliardi ciascuna, mentre il Sud Africa coprirà il residuo importo di 5 miliardi di dollari.

La decisione dei Brics si fonda su una considerazione più complessiva: a loro avviso ci sono ritardi ingiustificabili nel ribilanciamento delle quote di partecipazione al FMI, da loro richiesto al fine di farle corrispondere al peso effettivo che i Paesi emergenti hanno nell'economia mondiale. Non solo questi ultimi hanno contribuito per oltre 75 miliardi di dollari a partire dal luglio del 2012, senza ricevere alcuna contropartita, ma nel periodo 2011-2013 saranno cresciuti in media al tasso del 4.11%, mentre i Paesi sviluppati non andranno oltre l'1.37%.
1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.