Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 3 Dicembre 2016, ore 20.49
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Rallentare, prego

Anche ai bull market fa bene un limite di velocità.

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »
Anche ai bull market fa bene un limite di velocità.

Modera il tuo entusiasmo (Curb Your Enthusiasm) è un’acclamata serie televisiva della HBO andata in onda per otto stagioni nel decennio scorso. Il protagonista nonché creatore della serie è Larry David, un Woody Allen in versione ruvida, asciutta e senza autocompiacimenti. Il titolo viene dall’idea di David che la gente, nei rapporti sociali, tende a mostrarsi più positiva ed entusiasta di quanto non sia realmente. Questo atteggiamento non deriva dal desiderio di farsi accettare, ma dall’idea sottintesa di essere migliore dell’interlocutore. Che è normalmente di pessimo umore e che giustamente si irrita e invita l’altro a calmarsi, a darsi una regolata, a non allargarsi.

Un po’ di calma non farebbe affatto male alle borse (e in parte anche ai bond). Nelle settimane scorse molti strategist hanno alzato i loro obiettivi di fine anno, ma i nuovi target, per quanto piuttosto aggressivi, sono già stati superati o lo saranno entro una settimana se si continuerà a salire ai ritmi degli ultimi giorni. Certo, è stato comprensibile e giustificato festeggiare il mancato tapering da parte della Fed e l’uscita dal coma dell’Europa, ma la festa sta trasformandosi in una celebrazione permanente che comincia a muoversi sopra le righe. Continuando di questo passo, a fine 2013 avremo già raggiunto i livelli (1850-1900) che il consenso degli strategist indica per l’SP500 di fine 2014.

Commentatori come Larry Fink e Bill Gross parlano di bollicine e di bolle vere e proprie che si cominciano a vedere su quasi tutte le classi di asset. Effettivamente non può passare inosservato il contrasto tra una politica monetaria che viene condotta (e bond che sono prezzati) come se ci trovassimo in una pesante recessione senza uscita da una parte e, dall’altra, un mercato azionario che sta adottando valutazioni da crescita vigorosa e multipli da ciclo positivo sostenibile nel tempo.
1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.