Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 8 Dicembre 2016, ore 01.09
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

L'ora X

Il rialzo dei tassi non è più così lontano.

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »
Il rialzo dei tassi non è più così lontano.

Chi ha girato Parigi in metropolitana si ricorderà di due stazioni, Sébastopol e Malakoff, la prima in centro e la seconda a sud. Sono i nomi di due pagine della guerra di Crimea, voluta da Napoleone III all'apice della sua gloria. Fu il primo conflitto tecnologico della storia, grazie al ruolo importante di telegrafo e ferrovie. Durò due anni e mezzo (1853-1856) e si combatté soprattutto in Crimea anche se la penisola non era l'oggetto dello scontro. Fu una specie di guerra mondiale che coinvolse l'Europa intera (regno di Sardegna compreso) e l'impero Ottomano, tutti schierati contro la Russia. Ebbe un costo pesantissimo in termini di vite umane, fu sostanzialmente inutile e lasciò logorati e indeboliti tutti i partecipanti.

Quando i mercati hanno visto Putin che si prendeva la Crimea con la facilità con cui si beve un bicchier d'acqua, l'intera questione ucraina, che aveva fatto temere il peggio, è stata dimenticata nel giro di mezza giornata e ora sembra storia antica.

I mercati sono fatti così, vedono un problema alla volta e dimenticano tutto il resto. Che questo sia il risultato di una ammirevole capacità di andare diritti al cuore dei problemi o dell'impossibilità di tenere in testa più di una cosa alla volta non ha importanza, è così e basta.

L'Ucraina però continuerà a pesare, e anche parecchio. L'Occidente si dovrà sobbarcare, attraverso il Fondo Monetario e direttamente, qualche decina di miliardi di dollari di aiuti (nella speranza che non finiscano sui conti offshore della cleptocrazia di Kiev). La Russia si irrigidirà su Siria e Iran. Teheran ringalluzzita, vista da Israele, diventerà un problema ancora più grave. Il Medio Oriente, consapevole del fatto che l'America non ha più voglia di infilarsi in altri conflitti, darà vita a una corsa all'atomica ancora più rapida di quella già in corso. Il Venezuela di Maduro sarà incoraggiato da Mosca a diventare una spina ancora più dolorosa nel fianco dell'America.

(Nell'immagine: I soldati francesi piantano il tricolore sulle fortificazioni Malakoff. Crimea. 1855)
1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.