Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 4 Dicembre 2016, ore 02.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

I delfini di Koons

Per capire quello che succede bisogna guardare alla prossima crisi.

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »
Per capire quello che succede bisogna guardare alla prossima crisi

Perché, con un tasso di disoccupazione praticamente dimezzato rispetto al 2009 e a pochi decimali dalla piena occupazione, la Fed appare sempre più aggressiva ed espansiva?

Perché la Bce, con il pieno impiego in Germania e sotto lo sguardo severo dell’opinione pubblica tedesca, prepara per la fine anno il Quantitative easing, una misura che non ha mai voluto adottare negli anni scorsi?
Perché lo fa proprio quando lo spread dei Btp decennali rispetto al Treasury di pari durata emesso dal migliore debitore del mondo si è ridotto a 17 punti base (2.73 il tasso italiano, 2.56 quello americano)?
Perché la Bce sceglie il momento in cui la Grecia ha iniziato a rispettare di più gli impegni di risanamento, le banche hanno cominciato a ricapitalizzarsi seriamente e la produzione industriale dà qualche segnale di ripresa?
Perché questo affanno quando nei mercati nessuno scommette più sulla dissoluzione dell’euro, una cosa di cui parlano ormai solo alcuni politici che corrono dietro a una parte dell’opinione pubblica (come è del resto normale, visto che il sentiment dell’opinione pubblica è da sempre un indicatore ritardato del ciclo economico)?

Perché la Cina, nonostante tutti i buoni propositi sull’adozione di un diverso modello di crescita, sulla necessità di non compromettere troppo l’ambiente e sull’opportunità di rallentare il ritmo di crescita riapre il rubinetto del credito ogni volta che il Pil sembra scivolare sotto il 7 per cento? Forse che il 6 per cento sarebbe così disastroso?

Perché il Giappone, dopo vent’anni di tranquilla deriva e di decrescita felice, si sveglia improvvisamente dal torpore con l’Abenomics e reflaziona come non ha mai osato fare?

(Nella foto: Art Basel. Pagati 5 milioni di dollari per questo simpatico delfino gonfiabile di Jeff Koons)
1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.