Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 9 Dicembre 2016, ore 08.46
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Depressione non Recessione

L’altro ieri l’Istat ha confermato quello che si vociferava in giro. Anche il secondo trimestre 2014 è andato in rosso: -0,2.

Vincenzo Russo
Vincenzo Russo
Ordinario di Scienza delle Finanze presso l'Università La Sapienza, Roma. Autore del blog enzorusso2020
1 2 3 4 5 »
L'altro ieri l'ISTAT ha confermato quello che si vociferava in giro. Anche il secondo trimestre 2014 è andato in rosso: -0,2.

Tutti hanno parlato di ricaduta nella recessione come se uno 0,1 positivo dell'ultimo trimestre 2013 fosse stato sufficiente a superare la recessione economica degli ultimi anni. Come noto si ha recessione tecnica quando il PIL cala per due trimestri consecutivi e la recessione economica quando il PIL si riduce di circa un punto a consuntivo rispetto all'anno precedente.

In realtà per l'Italia non di recessione si tratta ma di depressione perché il PIL su base annua cala continuamente da quasi tre anni.

I dati storici acquisiti sono: 0,4 nel 2011;-2,4 nel 2012; -1,9 nel 2013; la svolta negativa è iniziata nel IV trimestre 2011; in termini cumulati abbiamo perso quasi 4 punti di PIL in tre anni per una perdita media di 1,3 punti all'anno; e le previsioni per il 2014 non fanno sperare in alcun recupero sostanziale se lo stesso ministro dell'economia e delle finanze, seraficamente, rinvia la ripresa al 2015.

Questa è la situazione degli ultimi 3-4 anni ma essa è l'epilogo di una fase storica molto grave che dura da oltre un ventennio, di crescita e produttività molto basse, di un livello di accumulazione insufficiente, di politiche economiche e finanziarie per lo più pro-cicliche e di manovre di risanamento dei conti pubblici operate per lo più con il taglio degli investimenti pubblici e il mancato utilizzo dei fondi strutturali europei.
1 2 3 4 5 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.