Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 2 Dicembre 2016, ore 20.56
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Situazione aperta

Opportunità d'acquisto, inizio di bear market o semplice normalità?

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »
Opportunità d'acquisto, inizio di bear market o semplice normalità?

Ogni giorno, prima di buttarsi nella mischia, i protagonisti grandi e piccoli dei mercati finanziari scrutano due cose. Da una parte guardano la realtà del mondo, fatta per loro soprattutto di dati macro e stime sulle società quotate. Dall’altra valutano con la massima attenzione qualsiasi parola esca dalla bocca dei banchieri centrali e dei governi. Il mondo oggettivo, dunque, e la volontà politica.

Ci sono periodi in cui tutto sembra chiaro, in senso positivo o negativo. Chiaro non vuole dire necessariamente vero. Talvolta infatti il mercato si racconta delle favole e le adotta come verità. Questo non è bello, ma dà comunque una sensazione di controllo sugli eventi.

Ci sono però altri momenti, come quello che stiamo vivendo, in cui i segnali si fanno contraddittori e la prospettiva cambia continuamente. Si dirà che anche in questi ultimi anni i dati sono stati contrastanti, alcuni buoni e altri meno buoni. Proprio questa alternanza continua ha creato quell’atmosfera temperata, né troppo calda né troppo fredda, che tanto è piaciuta ai mercati.

Perché allora il momento attuale fa così paura? Dicevamo che è una questione di prospettiva. Quando in montagna si cammina lungo una valle ci si muove tra due pendii e non si ha paura di cadere. Se però si cammina lungo una cresta ci si muove sempre in mezzo a due pendii, ma si rischia di cadere da una parte e anche dall’altra.

(Nell'immagine: Caspar David Friedrich. Viandante sul mare di nebbia)
1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.