Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 28 Settembre 2016, ore 19.20
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ora tocca a noi

Pur svantaggiata strutturalmente, l’Europa è ciclicamente interessante

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 »
Pur svantaggiata strutturalmente, l’Europa è ciclicamente interessante

Isaac Meyer, che da presidente della Federal Deposit Insurance Corporation ha gestito negli anni Ottanta il fallimento e la successiva ristrutturazione di tremila banche americane, ha pubblicato nel 2010 un libro di durissima critica alla linea nevroticamente iperattivista seguita dal Tesoro americano e dalla Federal Reserve durante la crisi dell’autunno 2008. Il titolo del libro, Senseless Panic, è significativo. Se si fosse stati tutti un po’ più calmi, sostiene Meyer, si sarebbero evitati molti fallimenti da una parte e molti costosi salvataggi dall’altra.

Il dibattito sul 2008 continuerà per decenni non solo sulle cause della crisi, ma anche sulle reazioni di policy. Una parte degli storici darà ragione a Meyer e un’altra confermerà invece il giudizio positivo oggi prevalente quando ci voltiamo indietro a guardare quello che fece la Fed in quei mesi.

Qui non vogliamo prendere posizione. Vogliamo solo ricordare che l’attivismo della Fed si tradusse, tra l’altro, nell’impiego di 85 miliardi di pubblico denaro per salvare il gruppo assicurativo privato AIG. Il tutto senza consultare nessuno.

Salvare un’impresa piuttosto che un’altra è una scelta discrezionale che spetta tipicamente all’autorità politica, non a quella monetaria. La decisione della Fed, del resto, fu attaccata duramente dai repubblicani in Congresso e non piacque nemmeno alla sinistra democratica. A conclusione del dibattito si decise di aumentare la trasparenza dell’operatività della Fed senza tuttavia limitarne la discrezionalità, preziosa in caso di crisi acuta. Il tutto durò un paio di mesi e poi non se ne parlò più. A nessuno venne in mente di ricorrere alla Corte Suprema. Un problema politico va risolto per via politica, non giudiziaria.

(Nella foto: La nuova sede della Bce a Francoforte, la Grossmarkthalle, ospitava fino a qualche anno fa il mercato ortofrutticolo)
1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.