Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Lunedì 26 Settembre 2016, ore 09.15
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Fino a quando?

Stare in tendenza è bello ma nessuna tendenza è eterna

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »
Il dollaro salirà per sempre? Le borse e i bond saranno inesorabilmente sempre più forti? L'euro e lo yen seguiranno la sorte del peso argentino, che da 15 anni si svaluta senza soluzione di continuità? Il 2015 è cominciato bene per chi ha avuto in portafoglio qualche dollaro, azione o bond, ma quanto va tirata la corda?

Le grandi tendenze di mercato intossicano la mente. Se si è dalla parte giusta si cerca sempre una scusa per aspettare un altro mese o un altro giorno. Chiudere una posizione significa interrompere un bel sogno quando sappiamo benissimo che i bei sogni, nella vita, non sono poi così frequenti. Vendo domani, si pensa, e l'indomani si dice lo stesso, con lo stesso spirito con cui fra poco si smetterà di fumare e ci si metterà a dieta.

Paul Donovan di Ubs sostiene che i grandi movimenti sui cambi su cui si affannano in concorrenza tra loro i vari paesi non cambiano nulla. I policy maker sono andati all'università decenni fa, quando si studiava che svalutare e rivalutare significavano la differenza. Chi svalutava esportava di più e importava di meno, conquistando quote di mercato. Per servire la domanda estera le imprese riprendevano a investire e ad assumere e l'economia si rimetteva a correre.

Oggi però non è più così. L'euro scende da 11 mesi e la quota di mercato europea in America non è cresciuta, così come non è diminuita la quota di mercato americana in Europa. Ancora più significativo il caso del Giappone. Lo yen scende da due anni e mezzo, passa da 78 a 120 e la quota di mercato in America non cambia, così come non cambia quella americana in Giappone.

(Nella foto: Hans Hofmann. Love Poem. 1962.)
1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.