Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 8 Dicembre 2016, ore 10.59
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Guerra e altro

Mercati solidi, ma si deteriora il rapporto tra rischio e rendimento

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »
Venti minuti di sparatorie durante l'operazione militare a Parigi Saint-Denis. Bisogna risalire ai tempi della Comune del 1871 per trovare scontri a fuoco di questa portata. Del resto, se Parigi è ancora oggi così bella è perché fu risparmiata nelle due guerre mondiali. Il presidente Hollande dice che la Francia è in guerra, il primo ministro Valls dice di temere attacchi chimici e batteriologici. L'Isis fa notare come siano bastati otto uomini per fare proclamare lo stato d'emergenza, una misura che era stata presa l'ultima volta durante la guerra d'Algeria.

C'è da chiedersi che conseguenze potrebbero produrre 80 o 800 uomini. Non se lo chiedono i mercati, sembra di capire, dal momento che appaiono in ottima forma e rimangono concentrati sulle loro occupazioni di sempre, tassi, Quantitative easing e utili.

In effetti, guardando al passato, nei rapporti tra mercati e conflitti si vedono reazioni molto diverse. La borsa di New York salì del 20 per cento nella prima settimana del settembre 1939, mentre la Germania invadeva la Polonia. Scese però per otto mesi dopo Pearl Harbor, quando cioè l'America entrò in guerra.
1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.