Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 3 Dicembre 2016, ore 20.49
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

La coperta

Non è vero che le svalutazioni sono sempre a somma zero

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 5 »
Il vero esotismo non è viaggiare dall'altra parte del mondo per scoprire le differenze tra un McDonald's asiatico e uno di casa nostra. Esotismo è viaggiare nel tempo. Non nel futuro, dal momento che la fantascienza è inevitabilmente proiezione del presente, ma nel passato anche prossimo, così strano e così alieno.

Ci fu un tempo, dall'origine della nostra specie fino a un secolo e mezzo fa, in cui il concetto di privacy era praticamente sconosciuto e perfino il corpo del sovrano era pubblico. Re Sole provvedeva ogni mattina ai bisogni del corpo in una grande sala e nel frattempo discorreva di affari di stato con ospiti e cortigiani. Aveva però il privilegio di potere dormire da solo, se voleva. La camera da letto, dal neolitico in poi, era comunque un concetto noto solo alle classi alte delle città. Nelle campagne del mondo la stragrande maggioranza degli esseri umani, una volta uscita dalle grotte, aveva sempre vissuto in comune in quello che oggi chiameremmo un monolocale senza bagno, che fosse uno yurt dell'Asia centrale, una capanna africana o una cascina padana da albero degli zoccoli.

In questo monolocale si dormiva tutti insieme cercando di affrontare il gelo delle notti d'inverno senza disperdere calore. Nelle campagne cinesi di 7 mila anni fa si dormiva su pietre che erano state precedentemente messe vicino al fuoco, nella domus romana era già in uso il camino, ma indumenti spessi e pesanti coperte erano comunque indispensabili per sopravvivere. Con dieci o venti persone tutte insieme le notti erano movimentate e le coperte, tirate da tutte le parti, si rivelavano regolarmente troppo piccole e lasciavano inevitabilmente scoperto qualcuno.

(Nella foto: Trilocale X secolo con magazzino, zona mista e zona gior-no/notte. Ricostruzione. Poggibonsi)
1 2 3 4 5 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.