Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 6 Dicembre 2016, ore 01.50
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il cucciolo

E' simpatico, è tenero, ma è sempre un lupo

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »
Gridare al lupo è un'espressione presente in molte lingue. Viene usata per prendere in giro chi paventa sciagure imminenti che poi non si realizzano. A volte però si dimentica che, nella favola di Esopo, il lupo, alla fine, arriva per davvero. Il pastorello, che aveva gridato al lupo tante volte per prendersi gioco dei soccorritori del villaggio, grida di nuovo ed è spaventato a morte, ma dal villaggio non arriva nessuno. Ai bugiardi, conclude Esopo, non si crede nemmeno quando dicono la verità.

Al lupo dell'inflazione non credettero i mercati a cavallo tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio degli anni Settanta. A dire il vero, quella volta, nessuno gridò al lupo perché nessuno ne aveva mai visto uno dal 1946. Quello del 1946, si pensava, era stato un episodio di pochi mesi legato al debito di guerra da smaltire, una fiammata e basta. Lo stesso era successo alla fine della prima guerra mondiale. In tempo di pace, però, il lupo, in terra americana, non si era mai fatto vedere. E fu così che il lupo, per tutti gli anni Settanta, si mangiò le pecore, il pastorello e tutti gli obbligazionisti che per anni rimasero dietro la curva dell'inflazione, anticipandone una ridiscesa che non si verificò.

Da allora due generazioni sono cresciute vedendo l'inflazione andare da una parte sola, verso lo zero. Chi, negli anni recenti, ha ipotizzato una riaccelerazione dei prezzi legata al ciclo economico in ripresa e all'aumento sempre più aggressivo della base monetaria attraverso il Quantitative easing è stato smentito dai fatti e messo nell'angolo. Oggi quasi nessuno osa più parlarne se non, paradossalmente, le banche centrali, che vengono a loro volta derise per la loro incapacità di creare inflazione.

(Nell'immagine: Lineart by Meganii. Deviantart.com)
1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.