Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 3 Dicembre 2016, ore 18.44
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Contrordine

Dalla velocità di curvatura allo spegnimento del reattore

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »
Doveva essere fine giugno o luglio, perché faceva molto caldo. La sala però era freschissima e un brivido di eccitazione la attraversò quando David Zervos, strategist di Jefferies con una lunga esperienza all'ufficio studi della Fed, iniziò ad entrare nei dettagli dell'helicopter money. Il Quantitative easing aveva aperto la strada, ma ora l'ingegneria finanziaria era pronta a cimentarsi in un salto di qualità dalle potenzialità inimmaginabili.

Sembrava di essere in un prequel di Star Trek in cui la nave spaziale progettata da Cochrane riesce per la prima volta, grazie a un campo di energia che sfrutta l'interazione tra materia e antimateria, a piegare lo spaziotempo e a portarsi a velocità di curvatura, superando di molti ordini di grandezza la velocità della luce. Cochrane, nel 2151, aveva aperto la strada all'esplorazione della galassia che avremmo visto due secoli dopo ad opera dell'Enterprise di Kirk e di Spock. E mentre Zervos parlava delle possibilità infinite che l'uso controllato di quella specie di reattore al dilitio che è l'acquisto a titolo definitivo di debito pubblico irredimibile a tasso zero da parte delle banche centrali, ecco che si cominciava a sognare ad occhi aperti. Spendere di più e ricavarne non un aumento ma una riduzione del debito pubblico, davvero bravissimi questi ingegneri.

Salvo risvegliarci oggi al tepore del sole di ottobre e sentire dire che le banche centrali, lungi dal portarci in un altro quadrante della galassia attraverso magici buchi neri e navi spaziali arditissime, stanno addirittura pensando di alzare i tassi e di rottamare il Quantitative easing senza apparentemente sostituirlo con nulla. Che è come rottamare lo Shuttle o il Concorde e tornare ai nostri aeroplanini tradizionali. Rumore di cristalli in frantumi, fine del sogno.

(Nella foto: Concept Nasa di astronave a curvatura. 2012)
1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.