Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 3 Dicembre 2016, ore 18.42
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Clinton

Siamo proprio sicuri che non cambierebbe niente?

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 4 »
La trias politica, la separazione dei poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario), fu teorizzata in forma compiuta da Montesquieu nell'Esprit
des Lois del 1748. I Padri Fondatori ne fecero la base della Costituzione americana del 1787, sette articoli in tutto, di cui quattro dedicati proprio alla separazione dei poteri e tre ai rapporti tra federazione e stati.

Il principio dei pesi e contrappesi era in realtà già applicato in terra americana da più di un secolo. Faceva parte della tradizione calvinista ed era stato già adottato nella Ginevra riformata del XVI secolo. I calvinisti lo portarono nelle prime colonie della Nuova Inghilterra già nel 1628 insieme al modello bipartitico. L'Europa vi arrivò molto più tardi. La Francia lo adottò nella costituzione del 1791, ma già nel 1793 i giacobini tornarono al modello dello stato assoluto controllato di fatto non più dal monarca ma da un partito unico.

Come è noto il presidente degli Stati Uniti è eletto ogni quattro anni, il Congresso è rinnovato parzialmente ogni due mentre i giudici della Corte Suprema sono nominati a vita. Questo ha fatto sì, storicamente, che i tre poteri siano stati spesso controllati, in un dato momento, non da un partito solo ma in un regime di coabitazione tra democratici e repubblicani.

La coabitazione ha funzionato in genere abbastanza bene e ha impedito o attenuato gli eccessi che spesso si verificano quando un partito solo si trova a controllare tutte le istituzioni. I conflitti tra i poteri sono stati nel complesso fisiologici e le forzature sono state rare. La più grave è stata nella seconda metà degli anni Trenta, quando il democratico Roosevelt arrivò a un passo dal rovesciare d'autorità la maggioranza repubblicana della Corte Suprema che gli bloccava sistematicamente la legislazione del New Deal.

(Nell'immagine: Firma della costituzione americana. 17 settembre 1787)
1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.