Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 1 Ottobre 2016, ore 05.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Marcello Pacifico, P.A. più ombre che luci

In vista dell'approvazione della Riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione, abbiamo chiesto a Marcello Pacifico, Presidente ANIEF e Segretario organizzativo Confedir, cosa pensa dell'anticipazione dell'età pensionabile e del mancato decreto di attuazione per la restituzione del TFS e TFR 2011/2012.

Pacifico sostiene che la Riforma pensata dal Ministro della Funzione Pubblica, Marianna Madia, in realtà camuffi una sorta di cassa integrazione per gli statali, in quanto prevede che si possa andare in pensione a 60 anni, 5-6 anni prima dell'età pensionabile, in maniera volontaria o coatta se si è in mobilità o sovranumerari, venendo però collocati al 65% dell'ultimo stipendio, a fronte dell'80% della pensione che uno avrebbe preso neanche due anni fa prima della riforma Fornero.

L'anticipazione dell'età pensionabile così concepita, dunque, non rappresenta un'occasione per i dipendenti pubblici ma è addirittura un modello peggiore rispetto a quello del privato.

Unica nota positiva della Riforma Madia, la cancellazione della possibilità di rimanere ancora due anni in più dopo l'età pensionabile, mossa che sbloccherebbe 10-15 mila posti di lavoro. Bisogna però capire con quale intenzione viene fatta questa scelta: per assumere giovani o per bloccare il cambio del turn over.
Cosa ne pensa invece Marcello Pacifico, e quindi l'ANIEF e Confedir, sul fatto che a quasi due anni dalla Riforma Monti manca ancora il decreto di attuazione per la restituzione del TFS 2011/2012?

Il segretario del sindacato dei dipendenti pubblici grida allo scandalo, perché dopo che è stato dichiarato incostituzionale il passaggio da un regime di TFS a un regime di TFR, il legislatore aveva deciso che a partire dal 2013 tutto il personale ritransitasse al regime di TFS ma che entro un anno si dovesse decidere come e quando erogare la differenza tra TFS e TFR.

Ad oggi di questo decreto ancora non c'è traccia, e per di più la Ragioneria dello Stato è stata bloccata nel calcolo di quanto spetta per il 2011-2012 per chi va in pensione. Finché il governo non mette i soldi per questa cifra mancante, viene persino boccata la liquidazione per questi due anni, ha dichiarato Pacifico, aggiungendo che proprio per questo è stato messo un modello di diffida per chi è andato in pensione e non vuole perdere quei contributi che gli spettano.
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.