Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 27 Settembre 2016, ore 16.03
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Seminari Anief per prepararsi alla Buona Scuola

Presso la sede CISAL (Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori) di Roma abbiamo incontrato ed intervistato Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario Cisal.

Il presidente Pacifico inizia la sua intervista facendo una panoramica di quello che è lo scenario per questo nuovo anno scolastico che oramai è iniziato ufficialmente in tutte le regioni.

"Un anno scolastico che da un lato presenta i soliti problemi, ed infatti, nuovamente più di 100mila supplenti saranno chiamati senza essere stabilizzati, su posti al 30 giugno quando invece la maggior parte dovevano essere assegnati al 31 agosto, continueranno quindi i ricorsi sulle stabilizzazioni, sull'estensione dei contratti ed anche sul pagamento degli scatti di anzianità".

"Dall'altra parte la grande novità di quest’anno" – prosegue il presidente – "è l’approvazione da parte dei collegi docenti, del consiglio d’istituto sulle linee di indirizzo del dirigente scolastico del piano triennale dell’offerta formativa".

A seguito dell’approvazione della riforma La Buona Scuola, voluta dal governo Renzi, le scuole saranno dotate di maggiore organico, più di 50mila posti che saranno assegnati; le stesse scuole saranno chiamate a decidere, a partire dal 22 settembre fino al mese di ottobre, quale organico scegliere, per attivare quali posti, quale tempo potenziale, quale tempo opzionale, quale materia in più, quali approfondimenti e sull'alternanza scuola lavoro.

A tal proposito Pacifico informa: "proprio per questa ragione l’Anief, insieme con Eurosofia, ha deciso di svolgere più di 100 seminari nell'ultima settimana di settembre in ogni provincia italiana. Questi incontri esonerano dal servizio e danno la possibilità di comprendere come si può applicare la riforma, fermo restando che saranno i giudici a stabilire quali aspetti di questa riforma come la chiamata diretta ed i trasferimenti in coda, possono essere dichiarati incostituzionali".
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.