Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 4 Dicembre 2016, ore 15.23
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

La Cassazione dà ragione ai precari

Iniziano i ricorsi dei lavoratori del pubblico impiego per i risarcimenti

La Cassazione ragione ai precari, infatti "le Sezioni Unite della Cassazione hanno fissato il punto sul risarcimento dei precari nel pubblico impiego con più di 36 mesi di servizio". Questo il tema affrontato nell'intervista con il presidente Anief e segretario Cisal Marcello Pacifico.

"Si è stabilito che di fatto dopo 36 mesi di servizio nel pubblico impiego, tutti i dipendenti pubblici che abbiano prestato servizio su posto vacante disponibile avranno diritto fino a 12 mensilità di risarcimento. Ancora una volta negano la stabilizzazione, ad eccezione del personale della scuola dove è intervenuta una sentenza della Corte di Giustizia europea per la quale si è in attesa di una sentenza della Corte Costituzionale".

Pacifico spiega che "come CISAL, insieme anche con una convenzione con Radamante e con i legali dell'Anief, sarà possibile, accedendo proprio al sito di Radamante, poter aderire a questo tipo di ricorso e finalmente avere un minimo di risarcimento rispetto a questo abuso dei contratti a termine che è avvenuto per tanti anni".
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.