Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 11 Dicembre 2016, ore 11.08
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il punto sulle commodities 2 maggio 2016

Il mercato delle materie prime analizzato dall'Ufficio Studi di Teleborsa

Settimana in rally per il greggio, che ha chiuso sotto i massimi a 45,92 dollari in vista di un aumento della produzione OPEC. L’oro nero ha tratto beneficio dal progressivo deprezzamento del dollaro, dopo la riunione della Fed.

Altra settimana positiva per il gas, che si è posto ancora in scia al rialzo del greggio, ma ha frenato a 2,178 dollari di riflesso ai dati sulle scorte peggiori delle attese, che segnalano una domanda ancora modesta in USA.

Ottima settimana per il grano, che ha concluso in rialzo del 2,6% a 4,78 dollari, anche se sotto i massimi. A sostenere le granaglie ha contribuito il deprezzamento del dollaro, che depone a favore di un aumento dell’export.

L’oro ha chiuso un’ottava effervescente, guadagnando circa il 5% a 1.290,5 dollari, grazie al deprezzamento del dollaro dopo il FOMC. La Fed ha rinviato un rialzo dei tassi a giugno, confermando una politica monetaria parzialmente accomodante per un certo periodo di tempo, a fronte delle persistenti incertezze economiche e della crescita modesta del PIL.

Settimana positiva per il rame, che chiude a 227,90 dollari la libbra, beneficiando del nulla di fatto della Fed sui tassi, dopo che il PIL USA del 1° trimestre ha evidenziato una crescita più debole del previsto.
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.