Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 27 Settembre 2016, ore 16.02
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Precariato della scuola è un male endemico

"Purtroppo il precariato nella scuola rimane ancora un male endemico che il Governo non è riuscito a risolvere. Non è riuscito a risolverlo perché ancora ad oggi ha chiamato, più di 100 mila supplenti per portare avanti le nostre scuole, su un organico che di fatto è su posti vacanti e disponibili ma che in realtà, viene dato con contratti al 30 giugno piuttosto che al 31 agosto". Il presidente Anief Marcello Pacifico in un’intervista parla dei precari e della loro situazione che continua ad essere tragica.

"La situazione attuale, porta ad una seconda precarizzazione; molti di questi precari sono chiamati dalla seconda fascia delle graduatorie d’istituto e sono quei precari a cui è stata vietata l’assunzione attraverso il piano straordinario, non essendogli stato permesso di presentare domanda e a cui è stato imposto di partecipare a questo nuovo concorso, quando invece gli si poteva dare una quota di posti riservati fino al 40% come prevedeva la legge e come l’Anief ha sempre ribadito”.

E’ un’analisi precisa quella che fa il presidente Pacifico il quale prosegue sostenendo che, indipendentemente dal concorso, anche questi precari hanno diritto alla stabilizzazione e dichiara che basterebbe prevedere un emendamento al decreto legge, in discussione al Senato sulla scuola e l’università, che consenta l’utilizzo del doppio canale, là dove le graduatorie ad esaurimento siano esaurite, proprio dalle graduatoria d’istituto.

"Tutto ciò porterebbe all’assunzione di questo personale senza tradire la Costituzione, come il Governo ci vuole ricordare, e senza tradire la sentenza della Corte Europea".
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.