Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 27 Settembre 2016, ore 22.52
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il punto sulle commodities 30 maggio 2016

Il mercato delle materie prime analizzato dall'Ufficio Studi di Teleborsa

E’ ancora rally per il petrolio, che continua a scommettere su una progressiva riduzione dell’eccesso di offerta, grazie alle interruzioni di alcuni Paesi produttori, e sulla graduale riduzione delle scorte: questa settimana l’EIA ha annunciato un calo superiore al previsto. Il petrolio chiude a 49,33 dollari in rialzo del 3,3% rispetto ad un massimo toccato di oltre 50 dollari.

Scattano le ricoperture sul gas naturale, che ha messo a segno un rally dopo aver toccato nuovi minimi sotto i 2 dollari, chiudendo poi in rialzo del 5,19% a 2,169 dollari. A penalizzare il gas concorre ancora l’eccesso di offerta ed i deludenti dati annunciati dall'EIA sugli stoccaggi.

Settimana buona per il grano, che ha chiuso in rialzo del 2,94% a 481,50 cent al sacco, beneficiando delle preoccupazioni alimentate da un peggioramento delle condizioni climatiche in USA. L’arrivo di piogge nelle zone di produzione infatti depone a sfavore della qualità del raccolto.

L’oro ha chiuso l’ottava a 1.213,8 dollari l’oncia, ai minimi da tre mesi ed in calo del 3,12%. A zavorrare il metallo prezioso concorre l’atteso rialzo dei tassi USA, che per la prima volta il Presidente della Fed Janet Yellen ha definito "appropriato" nei mesi a venire. Questo ha fatto volare il dollaro, penalizzando l’oro e gli altri asset che non offrono rendimenti.

Settimana all'insegna della rimonta per il rame, che recupera il 2,7% a 2,11 dollari la libbra, recuperando le perdite accumulate nelle ultime tre settimane. A motivare la rimonta sono state le speranze di un miglioramento delle condizioni economiche in Cina, in attesa del report sul PMI manifatturiero in uscita questa settimana.
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.