Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 13 Dicembre 2017, ore 04.40
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Principali Cross-Rate
Ufficio Studi Teleborsa
Consultare il Glossario per la spiegazione dei termini impiegati.
EUR/USD
la settimana da lunedì 11 dicembre
04/02/2016 - h.23,00 Ottava in rialzo per il cross tra l'euro e il dollaro. Partito a 1,0930 USD, il Fiber si è subito deprezzato in scia all'inattesa discesa dell'Eurozona in deflazione, cosa che ha aumentato le aspettative per il varo di nuovi stimoli da parte della Banca Centrale Europea in occasione del meeting di politica monetaria del prossimo 10 marzo. La divisa unica si è poi mossa in trading range fino alla pubblicazione del Beige Book, la panoramica sullo stato di salute dei 12 Distretti in cui opera la Federal Reserve. Il rapporto ha dipinto un quadro complessivamente positivo ma con segnali di peggioramento rispetto alla precedente rilevazione, cosa che ha aumentato le chance per un allentamento del ritmo di rialzo dei tassi in USA. A far impennare le scommesse su una più lenta exit strategy, oltre che le quotazioni dell’euro, il Job Report a due colori di venerdì. Gli occupati nel settore non agricolo sono balzati ben oltre le attese, ma i salari medi orari sono scesi inaspettatamente per la prima volta da un anno. La coppia termina con un +0,68% a 1,1006 USD.
L'ultima settimana L'ultimo anno
L' ultima settimana L' ultimo anno
Gli indicatori di EUR/USD
Variazione % -0,5400
Resistenza 2 1,1397
Resistenza 1 1,1276
Spot 1,1254
Supporto 1 1,1155
Supporto 2 1,1123
Score 45
Short Term
Medium Term
Outlook ripiego usd su eur
USD/JPY
la settimana da lunedì 11 dicembre
04/02/2016 - h.23,00 Dollaro in lieve aumento sullo yen nella settimana da poco terminata. Ad influire sulla coppia è stato più di tutto il ritorno degli investitori sul mercato azionario, che ha messo in secondo piano gli asset ritenuti beni rifugio quali lo yen. Le prese di profitto sulla divisa nipponica hanno anche messo in secondo piano quanto dichiarato da Haruiko Kuroda. Il Governatore della Bank of Japan ha detto di non aver intenzione di tagliare ulteriormente i tassi di interesse, raffreddando le attese di un nuovo allentamento monetario. Il dollaro, invece, ha bypassato l'aumento delle speculazioni per una più lenta uscita dall'attuale politica dei tassi attorno allo zero in scia al Beige Book e alle statistiche sul mercato del lavoro. Il primo ha dipinto un quadro meno brillante per quanto riguarda l'economia statunitense, mentre il Job Report ha sorpreso per quanto riguarda la creazione di nuovi posti di lavoro, ma deluso per quanto concerne i salari. Il Greenback termina dunque con un lieve rialzo dello 0,21% a 113,92 YEN.
L'ultima settimana L'ultimo anno
L' ultima settimana L' ultimo anno
Gli indicatori di USD/JPY
Variazione % 0,6300
Resistenza 2 117,9405
Resistenza 1 116,0385
Spot 113,2360
Supporto 1 114,1365
Supporto 2 111,9363
Score 5
Short Term
Medium Term
Outlook stop
GBP/USD
la settimana da lunedì 11 dicembre
04/02/2016 - h.23,00 Massicce ricoperture sul Cable, che termina la settimana con un guadagno di oltre 2,5 punti percentuali a 1,4218 USD. La sterlina britannica ha beneficiato dell'allentamento delle tensioni sull'azionario, che hanno spinto gli investitori a puntare su asset ritenuti più "rischiosi", ma anche dell'allentamento dei timori per la Brexit, ossia l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, che da settimane sta tenendo sotto scacco la divisa di Sua Maestà. Da rilevare anche il contestuale indebolimento del dollaro in scia alle aumentate attese per un più lontano rialzo dei tassi di interesse negli Stati Uniti alla luce del meno ottimistico quadro sull'economia americana dipinto dal Beige Book e del Job Report a due colori.
L'ultima settimana L'ultimo anno
L' ultima settimana L' ultimo anno
Gli indicatori di GBP/USD
Variazione % 0,2000
Resistenza 2 1,4698
Resistenza 1 1,4569
Spot 1,4503
Supporto 1 1,4440
Supporto 2 1,4376
Score 5
Short Term
Medium Term
Outlook esaurimento usd contro gbp
USD/CHF
la settimana da lunedì 11 dicembre
04/02/2016 - h.23,00 Settimana debole per la coppia dollaro/franco svizzero. Partito a 0,9966 CHF, il biglietto verde si è mosso in trading range con volumi sostenuti in attesa dei due dati clou della settimana: il Beige Book in uscita mercoledì sera e i numeri sul mercato del lavoro USA previsti per venerdì. L'atteggiamento meno ottimistico emerso dalla panoramica sui 12 Distretti in cui opera la Federal Reserve e, successivamente, l'inatteso calo dei salari medi orari, che ha controbilanciato il boom di occupati nel settore non agricolo, hanno indebolito la divisa a stelle e strisce che termina così in calo dello 0,21%.
L'ultima settimana L'ultimo anno
L' ultima settimana L' ultimo anno
Gli indicatori di USD/CHF
Variazione % 0,4700
Resistenza 2 0,9964
Resistenza 1 0,9883
Spot 0,9770
Supporto 1 0,9802
Supporto 2 0,9716
Score 55
Short Term
Medium Term
Outlook stop
EUR/JPY
la settimana da lunedì 11 dicembre
04/02/2016 - h.23,00 Balzo in avanti dell'euro a svantaggio dello yen nella settimana da poco terminata. La moneta unica ha portato a casa un guadagno dello 01,88% a 125,37 YEN grazie all'allentamento delle tensioni sull'azionario che ha favorito un ritorno degli investitori sugli asset meno sicuri. Ignorato l'inatteso calo dei prezzi al consumo in Eurozona, calo che ha aumentato le attese per il varo di nuovi stimoli all'economia da parte della Banca Centrale Europea nel meeting del prossimo 10 marzo.
L'ultima settimana L'ultimo anno
L' ultima settimana L' ultimo anno
Gli indicatori di EUR/JPY
Variazione % 0,1200
Resistenza 2 131,0275
Resistenza 1 129,7315
Spot 127,4800
Supporto 1 128,4355
Supporto 2 126,7488
Score 5
Short Term
Medium Term
Outlook stop
Avviso
Le Informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti Informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali Informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.