Facebook Pixel
Lunedì 29 Novembre 2021, ore 21.18
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Euro debole, Inflazione alta, Capitali sul dollaro

La FED stringe, la BCE tentenna, l'Europa rischia l'imbarcata

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 3 »

Le sponde dell'Atlantico si stanno allargando: a settembre, la FED ha già annunciato la riduzione degli acquisti di titoli federali a partire dal mese di ottobre per un importo complessivo di 15 miliardi di dollari di dollari e poi una ulteriore dello stesso importo a partire da dicembre. Ha fatto prevalere i dati positivi sulla ripresa economica ed i timori per la fiammata inflazionistica (+5,4% su base annua) rispetto alle preoccupazioni per una nuova ondata pandemica a partire dall'autunno. D'altra parte, a settembre, nessuno la aveva ancora messa in conto.




I tassi nominali sui titoli federali americani a 10 anni non sono mai andati sotto zero, anche se rimangono negativi in termini reali per via della fiammata inflazionistica, visto che il loro rendimento si orienta intorno al +1,20% annuo mentre l'inflazione media è stata stimata ancora di poco superiore al 2%.

Ben diversa è la situazione nell'Eurozona, con la BCE ancora cauta sul da farsi: nessun annuncio finora, in attesa delle decisioni di dicembre. Fatto sta, però, che anche a causa delle preoccupazioni per una ripresa dell'epidemia e per il conseguente rallentamento dell'economia tedesca, il rendimento nominale del Bund a 10 anni continua ad essere negativo ininterrottamente dal 2019, scendendo dal -0,13% di settembre al -0,30% di queste ultime settimane. A ottobre, l'indice dei prezzi al consumo è aumentato in Germania del 4,5%: portando il rendimento reale dei titoli pubblici a dieci anni ad un livello peggiore rispetto a quello americano –4,8% (-4,2% negli Usa).
1 2 3 »
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.