Facebook Pixel
Giovedì 2 Dicembre 2021, ore 20.16
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Le banche staccano la spina all'agricoltura

Economia ·
(Teleborsa) - Il credito agrario erogato alle aziende agricole ha subito un taglio del 22% nel 2012, con il valore delle erogazione sceso al livello più basso dal 2008. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ismea, in occasione dell'allarme lanciato dalla BCE.



Un rapporto della banca centrale europea, infatti, ha evidenziato che le piccole e medie imprese italiane e spagnole sono al 'top' in Eurozona per quanto riguarda il peggioramento di utili e fatturato nel periodo fra ottobre 2012 e marzo 2013, a causa dell'aumento delle necessità di finanziamento e del corrispondente peggioramento della disponibilità di prestiti bancari.

Una situazione che ha inciso anche sul tasso di mortalità delle imprese agricole, dato che nel primo trimestre di quest'anno il saldo tra nuove iscrizioni e chiusure di imprese è risultato negativo per oltre 13mila unità.

L'effetto credit crunch si fa sentire particolarmente nel settore agricolo, accrescendo le sofferenze che raggiungono i 4,2 miliardi, lasciando in difficoltà oltre 16mila imprese.

Nel 2012 - sottolinea la Coldiretti - è stato erogato un monte-crediti all'agricoltura di 2,11 miliardi di euro, in forte riduzione rispetto ai 2,73 miliardi circa registrati nel 2011.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.