Mercoledì 21 Ottobre 2020, ore 03.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bentornata in patria, Prada!

Economia ·
(Teleborsa) - Tra le tante società del Made in Italy che fuggono dalla madre patria, ve n'è una che ha deciso di andare controcorrente, tornando ad investire (e a pagare le tasse) nel Bel Paese. E' niente meno che Prada, celeberrima holding milanese della moda.

Tramite un percorso di voluntary disclosure avviato da anni - come precisa lo stesso brand in una nota - Prada Holding, socio di controllo di Prada, e i suoi azionisti (la famiglia fondatrice e Patrizio Bertelli, Amministratore Delegato e marito della "guru" Miuccia Prada), hanno riportato in Italia "il baricentro delle attività", rimpatriando volontariamente tutte le holding (circa una decina) situate in Paesi Bassi e Lussembugo.

"Siamo molto contenti di aver preso questa decisione strategica, coerente con la nostra volontà di investire sull'Italia", ha commentato Bertelli.

Alla ferma volontà di tornare a puntare sulla Penisola si è aggiunta quella di regolarizzare i capitali detenuti all'estero. E' infatti questa, in estrema sintesi, la voluntary disclosure, procedura poco nota in Italia che permetterà alla griffe milanese di avere rapporti chiari e sereni con il fisco.
Non a caso, si legge ancora nel comunicato di Prada, "l'attività è stata svolta mediante un costante confronto e dialogo con l'Agenzia delle Entrate ed ha consentito di definire gli obblighi fiscali conseguenti al rimpatrio della struttura estera avendo a riferimento gli ultimi dieci anni".
Anche l'AD Bertelli ha sottolineato che il rientro "è stato possibile grazie ad un rapporto sereno e costruttivo con l'amministrazione finanziaria, improntato alla reciproca fiducia, condizione indispensabile per ristabilire quel rapporto di collaborazione, necessario per la ripresa del Paese attraverso la valorizzazione del patrimonio imprenditoriale, umano e culturale dell'Italia".

Il rimpatrio porterà anche cambiamenti in seno alla struttura societaria, che "verrà ulteriormente razionalizzata mantenendo esclusivamente le società holding atte a garantire un presidio di corporate governance".

Inevitabile esprimere apprezzamento per questa iniziativa, soprattutto alla luce delle tante società che scelgono paradisi fiscali o che passano di mano a investitori esteri.
Anche perché Prada, oltre ad essere un orgoglio del Made in Italy, rappresenta un valore aggiunto per l'economia italiana.

Giusto oggi il Gruppo ha annunciato, relativamente ai primi nove mesi dell'anno, un incremento dell'utile netto del 7,9% a 441 milioni di dollari e ricavi in miglioramento del 10,1% a 2,576 miliardi. Gli analisti hanno giudicato i profitti al di sotto delle aspettative, puntando il dito sul rallentamento del business in Europa. Ma questo non toglie lustro alla decisione di Miuccia Prada, Patrizio Bertelli & soci di tornare in patria.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.