Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 15 Dicembre 2017, ore 01.43
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Clima attendista a Wall Street. Job Report in focus

L'attenzione degli investitori è catalizzata dal dato chiave sull'occupazione statunitense che potrà chiarire meglio i tempi del taglio dei tassi da parte della Fed

Finanza, Commento ·
(Teleborsa) - Oggi a Wall Street ha regnato un clima di attesa, con gli operatori concentrati sulle prossime mosse di politica monetaria delle banche centrali mondiali. L'attenzione degli addetti ai lavori è catalizzata soprattutto dal dato chiave, di domani, relativo al mercato del lavoro statunitense. Un'indicazione che potrà chiarire meglio i tempi del taglio dei tassi da parte della Fed.

Il mercato scommette su un dato positivo sull'occupazione alla luce del crollo dei licenziamenti e del calo delle richieste di sussidio alla disoccupazione, nonostante le indicazioni deludenti dell'ADP.

Oggi, intanto, la BCE ha confermato il proseguimento del piano di acquisto titoli (QE) escludendo di fatto il Tapering, ovvero la riduzione graduale del programma id quantitative easing.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones si attesta sui valori della vigilia a 18.260 punti; sulla stessa linea, rimane ai nastri di partenza l'indice S&P-500, che si posiziona a 2.161 punti, in prossimità dei livelli precedenti. Senza direzione il Nasdaq 100 (-0,07%); leggermente positivo lo S&P 100 (+0,43%).

Nell'S&P 500, buona la performance del comparto Materiali. In fondo alla classifica, sensibili ribassi si sono manifestati nel comparto Sanitario, che ha riportato una flessione di -0,43%.

Al top tra i giganti di Wall Street, Home Depot (+1,36%), Apple (+1,03%), Du Pont de Nemours (+0,79%) e Procter & Gamble (+0,61%). Le peggiori performance, invece, si registrano su American Express, che ottiene -3,72%.

In apnea Wal-Mart, che arretra del 2,58%, che ha annunciato un outlook 2018 debole.

Dimessa Pfizer, con un calo frazionale dello 0,90%: il colosso farmaceutico ha deciso di lasciare la sua sede storica di Manhattan, a New York.

Profondo rosso per Twitter (-20,45%) dopo il dietrofront di Google che si è sfilata dalla lista dei possibili acquirenti della società, ma pare che non sia la sola società a voler rinunciare.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.