Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 23 Novembre 2017, ore 10.34
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Si apre una settimana nera per i trasporti. Oggi, 20 marzo, disagi per chi vola

Oggi sciopera il personale dell'ENAV. Alitalia ha già cancellato il 40% dei voli. Il 23 marzo incroceranno le braccia i tassisti

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Si apre una settimana nera per i trasporti. Tra proteste e scioperi si preannunciano giorni davvero difficili per il nostro Paese.

Il fine settimana è incominciato conTIR DAY organizzato da Unatras. L'associazione di categoria non ha fatto uno sciopero vero e proprio ma una serie di proteste organizzate dagli autotrasportatori che hanno rallentato il traffico. Motivo? Chiedere al Governo di rispettare gli impegni assunti con le imprese. Tra i punti cruciali delle rivendicazioni: "la determinazione mensile dei costi indicativi di esercizio e le iniziative contro la concorrenza sleale e l'abusivismo dei vettori esteri per garantire trasparenza e regolarità nel mercato le sanzioni contro il mancato rispetto dei tempi di pagamento, lo sblocco delle autorizzazioni per i trasporti eccezionali.

Più complicata sarà la giornata di oggi per chi dovrà prendere l'aereo. Sciopero dalle 13 alle 17 del personale operativo dell'ENAV, mentre il personale amministrativo si fermerà nelle ultime 4 ore del servizio.
Alitalia ha già cancellato il 40% dei voli tra nazionali ed internazionali. Uno scioperò quello di oggi, 20 marzo che arriva solo come l'antipasto di quello che ci sarà il 5 aprile prossimo, quando i lavoratori incroceranno le braccia per 24 ore per protestare contro i 2.000 tagli annunciati dall'Azienda.

Giovedì 23 marzo, infine, tornano a protestare i tassisti, ancora una volta per chiedere regole stringenti su noleggi con conducente e Uber. La protesta però questa volta non è unitaria. Una serie di sigle preferiscono invece attendere gli sviluppi del tavolo tecnico del Governo che sta definendo le nuove regole.







Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.