Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Giovedì 19 Ottobre 2017, ore 09.29
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Dipendenti pubblici: bruciati 12 miliardi all'anno per le retribuzioni

E' quanto sottolinea il sindacato della scuola Anief che minaccia ricorsi nei tribunali italiani ed europei

Economia, Scuola ·
(Teleborsa) - Il congelamento dei salari degli statali, unito al blocco delle assunzioni, ha fruttato alle casse pubbliche 12,6 miliardi in sei anni; è da qui che dovranno ripartire sindacati e ARAN - Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni. Lo scopo sarà mettere a punto le linee guida per rinnovare i contratti di oltre tre milioni di dipendenti.

In queste ore, infatti, si sta svolgendo la riunione: l'ARAN ha convocato il Governo e i rappresentanti dei lavoratori per l’avvio della negoziazione, sui temi generali, in previsione dell’imminente accordo sull'Atto di indirizzo preliminare. Sono diverse le problematiche irrisolte.

"Stipendi al palo dal 2007: i docenti e gli ATA della scuola sono tra i lavoratori più poveri del lavoro privato e pubblico a partire dal 2009. Così non si va da nessuna parte: si faccia marcia indietro subito, altrimenti avvieremo ricorso nei tribunali italiani ed europei". E' questo l'amaro commento di Marcello Pacifico, Presidente del sindacato della scuola Anief
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.